Nomina Collegio revisori dei conti,
il Tar chiude la vicenda

MACERATA - Samuele Cetraro aveva presentato ricorso dopo l'elezione di Andrea Cirilli per poi ritirarlo. Il Comune: "Corretto l’operato dell’Amministrazione e del Consiglio"
- caricamento letture
Samuele Cetraro

Samuele Cetraro

 

di Alessandra Pierini

Si è chiusa con un decreto del Tribunale Amministrativo la vicenda del Collegio dei revisori dei conti che molto scompiglio creò lo scorso settembre nel consiglio comunale di Macerata (leggi l’articolo). In particolare l’argomento del contendere è stato allora chi doveva prendere il posto di Francesco Launo che si era dimesso per incompatibilità. Secondo la maggioranza, bisognava rivotare e così si fece. Infatti fu eletto Andrea Cirilli, vice presidente del consorzio Valleverde. La minoranza invece sosteneva che fosse giusto scorrere la graduatoria e in questo caso il terzo revisore sarebbe stato Samuele Cetraro, il quale presentò un ricorso al Tar Marche contro il Comune, contro il presidente del collegio Enrico Severini e contro il neo eletto Cirilli (leggi l’articolo). Cetraro ha chiesto al tribunale di sospendere previamente la delibera relativa all’elezione di Cirilli ma il giudice si pronunciò negativamente, a questo punto il commercialista  ha deciso di ritirare il suo ricorso. L’8 marzo il Tar ha emesso un decreto in cui “dichiara l ‘improcedibilità del ricorso per sopravvenuta carenza di interesse” da parte del ricorrente.

Andrea Cirilli

Andrea Cirilli

Oggi il Comune di Macerata commenta la vicenda con una nota stampa:

Confermata la correttezza dell’operato dell’Amministrazione e del Consiglio comunale di Macerata nel procedere alla nomina del Collegio dei revisori dei conti di cui ne fanno parte Enrico Severini (presidente), Alessandro Benigni  e Andrea Cirilli (componenti). A ribadirlo la sentenza con cui il Tar delle Marche si è espresso nei confronti della impugnazione delle delibere consiliari del luglio e settembre scorsi presentata dal dottor Samuele Cetraro. Quest’ultimo, dopo aver ritirato in udienza la richiesta di sospensiva, ha poi rinunciato al ricorso proposto. Il Comune aveva difeso la legittimità delle delibera con l’avvocato Luca Forte. Il Tar ha definitivamente dichiarato improcedibile il ricorso per carenza di interesse.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X