L’opposizione tuona sul bilancio
“Abbiamo lasciato 2 milioni di attivo in cassa”

CIVITANOVA - I consiglieri Carassai, Ciarapica, Marinelli, Marzetti e Morresi attaccano l'Amministrazione guidata dal sindaco Corvatta e la decisione di affidare a personale esterno l'inventario
- caricamento letture
Nella foto la federazione del centrodestra: da sinistra Ermanno Carassai, Fabrizio Ciarapica, Claudio Morresi, Erminio Marinelli, Sergio Marzetti

Nella foto la federazione del centrodestra: da sinistra Ermanno Carassai, Fabrizio Ciarapica, Claudio Morresi, Erminio Marinelli, Sergio Marzetti

di Laura Boccanera

“Dall’attuale amministrazione solo bugie sul bilancio per giustificare l’Imu all’aliquota massima e gettare fango sul precedente governo della città”. La federazione del centrodestra presenta il bilancio consuntivo del 2011 e respinge le accuse presentate in questi mesi in merito ad un bilancio con segno negativo: “Chiudiamo con un avanzo di 2 milioni e 125 mila euro – spiega l’ex assessore al bilancio Claudio Morresi – finalmente ci sono arrivati i conti dell’esercizio 2011 e i dirigenti comunali certificano che il bilancio non è affatto deficitario e di 10 parametri solo uno non è rispettato. Ciò che dispiace è aver visto in questi mesi manifesti e proclami sui debiti del Comune, ma era solo una scusa per buttare le colpe sulla precedente amministrazione. Oltretutto va anche considerata la riduzione considerevole dei trasferimenti da parte dello Stato sulle entrate correnti che sono passate dal 22% del 2010 all’1,59% nel 2011”. Morresi attacca poi anche sulla spesa messa in bilancio per affidare con incarico esterno l’inventario dei beni immobili del Comune: “L’assessore Mengarelli – spiega il consigliere – ha giustificato ciò dicendo che l’ufficio tecnico non era in grado di farlo, peccato che nel 2012 lo stesso ufficio tecnico ha firmato la perizia sulle dismissioni dei beni immobili, perché allora ora non sono più capaci di far fronte alla compilazione dell’inventario?”. A mettere il carico da undici anche Fabrizio Ciarapica: “Oggi emerge chiara la verità – dice – questa amministrazione non solo è incapace, ma anche bugiarda. Nel programma elettorale dichiararono che avrebbero tenuto l’Imu al minimo invece è stata applicata l’aliquota massima e la scusa del buco di bilancio serviva proprio a questo. Speriamo ora che questo avanzo di amministrazione venga utilizzato per essere vicini alle fasce più deboli. Alcuni comuni anche a noi vicino come Potenza picena hanno emesso un bando per rimborsare l’Imu a coloro che non raggiungono un reddito di 10mila euro”. Sottolinea invece i ritardi sui lavori pubblici Ermanno Carassai: “è imbarazzante perchè avevamo già finanziato e appaltato opere pubbliche nell’interesse della città che sono ferme come la pavimentazione del centro e altri lavori nei quartieri, nel frattempo continuiamo a pagare gli interessi sulla casa studenti e anziani senza usufruirne”. E sul bilancio intervengono anche Marinelli, Corallini e Marzetti: “Quando un’amministrazione dice bugie così grosse dovrebbe dimettersi. Questo comportamento è vergognoso e disdicevole, ci troviamo di fronte a dilettanti allo sbaraglio”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni = 1