I risultati del ballottaggio entusiasmano il Pd
dopo il passaggio del ciclone Renzi

I COMMENTI - Il segretario Broccolo: "Il partito ha scelto". Il renziano Morgoni: "E' stata comunque una rivoluzione"
- caricamento letture
spoglio_primarie

Le operazioni di spoglio nel comitato provinciale del Pd

broccolo

Il segretario del Pd Roberto Broccolo

di Alessandra Pierini

L’atmosfera nel comitato provinciale del Pd a Piediripa era ieri sera, dopo il ballottaggio tra il segretario del partito Pierluigi Bersani e Matteo Renzi, molto più distesa ed euforica rispetto alla settimana scorsa quando il sindaco di Firenze ha staccato il segretario del partito di ben 700 voti (leggi l’articolo). Il ballottaggio di ieri in cui Bersani ha riguadagnato terreno, anche col contributo di Sel (leggi l’articolo) è stato  letto, soprattutto dai tanti dirigenti bersaniani (leggi l’articolo) come una sorta di scampato pericolo. Anche se il ciclone Renzi ormai c’è stato e inevitabilmente ha lasciato profonde tracce del suo passaggio con cui il Pd si troverà a fare i conti in vista delle elezioni governative. 

Tra gli esponenti del partito c’è comunque  grande entusiasmo.
Primo tra tutti il presidente provinciale Roberto Broccolo: «Grande soddisfazione sia per la partecipazione significativa, sia perchè non si è registrata nessuna particolare problematicità nei seggi e durante le operazioni di voto e anche per la rimonta del segretario nazionale del partito. Ora dovremo collaborare e dialogare, indipendentemente da chi ha vinto, anche con chi ha contribuito a rendere tanto vivaci queste primarie».

Presente allo spoglio anche Mario Montesi del comitato Bersani: «Abbiamo invertito il risultato e recuperato anche a Macerata. E’ stata una grande festa ma ora il popolo del centro sinistra ha scelto».

Mario Morgoni invece rappresenta la mozione Renzi: «Siamo molto soddisfatti dal risultato importante raggiunto da Matteo Renzi che è comunque una rivoluzione. Ci aspettavamo la rimonta di Bersani che ha raccolto i voti di Vendola  ma ora ci auguriamo che il lavoro fatto diventi una spinta per il Pd per diventare più forte e accogliere i cambiamenti che Renzi ha stimolato».

Non si esclude dal coro il segretario provinciale di Sel Esildo Candria: «Siamo soddisfatti del voto, abbiamo contribuito a costruire il centro sinistra e anche in questo ballottaggio i compagni di Sel hanno lavorato e hanno dato una mano nei seggi. Ora inizia la battaglia per le prossime elezioni politiche con una coalizione che vedrà la partecipazione della sinistra».

 

morgoni

Mario Morgoni, coordinatore dei Comitati per Matteo Renzi nella provincia di Macerata

Esperienza positiva per il Pd Tolentino: «Pur in presenza di alcune disfunzioni organizzative- si legge in una nota della segreteria –  che avrebbero potuto essere oggetto di strumentalizzazione da una parte o dall’altra, le operazioni di voto si sono svolte senza intoppi e senza polemiche grazie in primo luogo ad un atteggiamento unitario, responsabile e propositivo di tutti i rappresentanti dei candidati e potendo contare sull’impegno di molti volontari del PD, di SEL e dei Socialisti grazie ai quali è stato possibile organizzare questa importante iniziativa. A Tolentino ha  vinto Bersani dopo che al primo turno aveva prevalso Renzi ma soprattutto ha vinto la partecipazione e la voglia di esserci di tanti elettori del Centro-sinistra che hanno chiesto rinnovamento e  “buona politica” che il gruppo dirigente del PD di Tolentino ma non solo, deve recepire senza ulteriori indugi. Infine, il PD di Tolentino, proprio alla luce dell’esperienza di questi giorni ribadisce la necessità che le primarie vengano impiegate sistematicamente anche per decidere la composizione delle liste PD delle candidature al Parlamento, soprattutto qualora non venisse cambiata la Legge elettorale in modo tale che consenta all’elettore di esprimere il voto ai singoli candidati oltre che al partito».

Gioisce anche il Comitato per Bersani di Recanati: «E’ stata un’altra bella giornata per la politica italiana che grazie al coraggio e alla grande partecipazione rialza la testa dopo anni difficili, caratterizzati solo da scandali di ogni genere e da spettacoli indegni. In città la partecipazione è stata alta anche in questo secondo turno e per noi è un elemento di grande soddisfazione che ripaga il grande sforzo organizzativo compiuto.
Soddisfatti anche perché a fronte di un calo di 200 votanti, il divario tra Renzi e Bersani si è quasi dimezzato e 228 voti di scarto in una città in cui vi è stata una grande mobilitazione pro Renzi sono davvero poca cosa.
Entusiasti per il dato nazionale, un trionfo forse inaspettato e che ora dovrà sostenere e dare forza ad un progetto chiaro, di natura socialdemocratica al pari delle altre democrazie europee. Ringraziamo i cittadini che hanno scelto di partecipare alle primarie. Un ringraziamento ai volontari ed a coloro che hanno votato Pierluigi Bersani compresi gli amici di Sinistra Ecologia e Libertà che ci hanno sostenuto in questi ultimi giorni.
Questo sarà probabilmente l’ultimo comunicato del Comitato Bersani per Recanati. Da domani torneremo ad essere dirigenti e militanti del Partito democratico, il più grande partito di questo Paese, tutti insieme con Bersani per ricostruire l’Italia».

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 1
Civitanova = 1
Elezioni = 1