Mare mosso a Porto Recanati
Residenti e turisti chiedono i danni alla Regione

Il comitato "L'unione fa la costa" vuole il risarcimento per i problemi causati dalle mareggiate. La città, che aveva chiesto 700mila euro per il ripascimento, potrebbe ricevere da Ancona una somma stimata in 400mila euro
- caricamento letture
COSTA-SUD-2V-275x300

Le condizioni di ieri del lungomare sud di Porto Recanati

Interventi tampone sulla riviera di Porto Recanati ma intanto il Comitato “L’Unione fa la costa” incontra un legale. Il sindaco Rosalba Ubaldi non ha ancora la certezza matematica ma lo scorso marzo, insieme al presidente della Provincia Antonio Pettinari, aveva incontrato l’assessore regionale al Bilancio Pietro Marcolini e quello alle Infrastrutture Luigi Viventi: nell’occasione la Regione si era impegnata a garantire un aiuto concreto al Comune per la stagione estiva in arrivo.
La preoccupazione degli amministratori maceratesi era rivolta alla stagione e all’accoglienza dei turisti in alcune spiagge molto colpite dalle mareggiate di tutto l’inverno. In quel faccia a faccia, infatti, il presidente della Provincia aveva chiesto un intervento per mettere in sicurezza una tratto di litoranea provinciale per Numana mentre il sindaco portorecanatese un ripascimento delle spiagge del centro cittadino (sul lungomare Scarfiotti) dal Circolo della Vela allo chalet Oasi per circa 500 metri di litorale, ma anche all’estremo sud, all’altezza del bivio Regina (Santa Maria in Potenza). La richiesta dell’amministrazione è stata di 700.000 euro: la Regione, però, risponderà alle esigenze della costa portorecanatese probabilmente con 400.000 euro. “La priorità delle priorità è il centro: due concessioni demaniali e una spiaggia libera piuttosto ampia. Avevo chiesto 700mila euro, credo che la prossima settimana arrivi una risposta dalla Regione e spero che sia concreta. Difficile avere quella cifra per un ripascimento, ma anche la metà sarà un buon prendere per assicurare una stagione dignitosa ai nostri operatori del settore turistico, in particolare a quelli del centro e della zona sud”.
Proprio i bagnini oltre la pineta Volpini e i circa 2.000 tra residenti e turisti dei 400 appartamenti della zona, uniti sotto le insegne del comitato L’Unione fa la costa, si incontreranno in questi giorni con il loro avvocato. Il Comitato aveva già annunciato l’intenzione di chiedere alla Regione un risarcimento danni e così è stato, ma per ora è solo in via bonaria. Spiega l’avvocato Gianmarco Sabbioni: “L’interesse principale è però quello di risolvere definitiva la situazione anche perché si parla sempre di un intervento del Ministero dell’Ambiente che ancora non c’è stato. I miei assistiti hanno stimato i danni delle ultime mareggiate senza contare quelli avuti durante gli anni scorsi e ora decideremo insieme come proseguire”.

COSTA-SUD-1O-300x225

Il lungomare sud ieri pomeriggio

Da tempo, infatti, c’è in ballo un accordo tra il Governo, per un intervento da 4,5 milioni di euro e la Regione, che invece metterebbe sul piatto 3 milioni di euro a salvaguardia delle abitazioni e di quel tratto di costa portorecanatese. Poi il crescere della crisi e altre emergenze hanno bloccato tutto. A Scossicci, intanto, la posa della sabbia di giugno 2011, per circa 1milione di euro, non è ancora terminata, ma sembra che la spiaggia abbia retto, con alti e bassi in alcuni tratti, per tutto l’inverno. A chiedere l’intervento alla Regione, direttamente al presidente Spacca è anche il coordinatore portorecantese di Rifondazione Comunista e della Federazione delle sinistre Lorenzo Gaetini. Con la sua lunga lettera, infatti, mostra le sue perplessità nei confronti dei ripascimenti mentre elogia le scogliere a difesa della costa marchigiana, proponendo di rinfoltire quelle della città.

(S.P.)

 

LUNGOMARE-CENTRO-2O-COSTA-gennaio-300x225

Particolare del lungomare colpito dalla mareggiata di Gennaio

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X