Aggredisce e rapina una ragazza
Inseguito dall’ambulanza: arrestato

MACERATA - Grazie all'aiuto dei sanitari, i carabinieri hanno preso il 23enne egiziano, già autore di altri reati. L'operatore della Croce Verde Luca Buldorini: "Ho agito d'istinto"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
luca_buldorini_croce_verde-5-300x240

Luca Buldorini, l’operatore della Croce Verde che ha inseguito il rapinatore

di Alessandra Pierini

L’atto eroico di due dipendenti della Croce Verde ha permesso l’arresto di A.E., egiziano di 23 anni,  rapinatore e spacciatore, disoccupato e pregiudicato che girava tranquillamente per le strade di Macerata. Alle 4 di questa notte, Luca Buldorini ed un suo collega stavano tornando da un intervento a bordo di un’ambulanza della Croce Verde quando all’inizio di corso Cavour, si sono trovati davanti una giovane marocchina col volto ferito e sanguinante che ha richiamato la loro attenzione. I due hanno soccorso la giovane e l’hanno fatta salire a bordo dell’ambulanza per prestarle le prime cure. La ragazza ha raccontato che un individuo le aveva strappato la borsa dalle mani per poi malmenarla al volto e all’addome con pugni e calci e ha indicato il rapinatore che era ancora nelle immediate vicinanze.

luca_buldorini_croce_verde-3-300x224

A questo punto Luca Buldorini, uno dei due operatori della Croce Verde,  non ha esitato un attimo e si è lanciato all’inseguimento dell’uomo che si è dato alla fuga con la refurtiva. Mentre correva Buldorini ha avvertito il 112. A questo punto l’operatore si è reso conto che anche il malvivente stava chiamando i rinforzi, perciò è tornato indietro e, salito a bordo dell’ambulanza, nella quale si trovava ancora la ragazza che era stata nel frattempo medicata dall’altro operatore, ha iniziato l’inseguimento con il mezzo.

Nel giro di pochissimo, hanno raggiunto il malvivente che nel frattempo era stato affiancato da un amico in piazza Pizzarello. I due hanno preso a calci e pugni l’ambulanza e a questo punto gli operatori hanno deciso di evitare lo scontro e lasciarli andare. Nel frattempo una gazzella e un’auto civetta del Nucleo Operativo Radio Mobile dei  Carabinieri sono giunte sul posto. Nel giro di qualche minuto il rapinatore è stato raggiunto in viale Trieste.

luca_buldorini_croce_verde-2-202x300

I militari dell’Arma lo hanno individuato, bloccato e arrestato e hanno anche recuperato la borsa che è stata in seguito restituita alla giovane marocchina. I militari hanno accertato che A.E. aveva avvicinato la ragazza per parlarle e subito dopo l’aveva minacciata e picchiata per sottrarle la borsa. La ragazza è stata ricoverata al pronto soccorso e dimessa dopo qualche ora con lievi traumi. L’arrestato al momento della perquisizione nascondeva un grammo circa di cocaina per cui è stato anche denunciato. L’arrestato è stato trasferito nel carcere Camerino a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Molto orgoglioso di aver contribuito all’arresto Luca Buldorini: «In quel momento – racconta – ho agito d’istinto e sentivo di avere la forza di un leone ma ripensandoci, col senno di poi, abbiamo corso un grosso pericolo. Questo episodio mi fa riflettere, perché noi che lavoriamo di notte a bordo dei mezzi di soccorso non abbiamo nessuna protezione e spesso non abbiamo la consapevolezza del pericolo che corriamo ogni volta» .

(Foto di Guido Picchio)

luca_buldorini_croce_verde-4-300x285



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X