Suap Giorgini domani al Tar Marche
I comitati si costituiscono parte attiva

Il tribunale esaminerà il ricorso presentato dalla Giorgini contro la delibera di consiglio che ha bocciato la variante al PRG
- caricamento letture
Claudio-Giorgini

Claudio Giorgini

Domani 23 febbraio il Tar Marche di Ancona discuterà nel merito il ricorso presentato dalle ditte Industrie Giorgini S.r.l. e Giorgini Claudio & C. S.n.c. contro la delibera  del Consiglio Comunale  che ha votato contro la variante al piano regolatore (nota come Suap Giorgini) per l’insediamento dell’azienda insalubre di classe A in contrada Valleverde a Piediripa.

Il Comitato San Claudio, Legambiente Marche e il Coordinamento Paesaggio Macerata si sono costituiti parte attiva nel procedimento e spiegano in una nota le loro motivazioni: «Abbiamo intrapreso – spiegano –  con il concorso di numerose altre associazioni e cittadini,   fin dal 2008 una lunga battaglia per opporsi all’insediamento – sollevando con numerosi argomenti motivati e circostanziati il problema degli impatti negativi che l’eventuale realizzazione del complesso Giorgini (oltre 100.000 metri cubi) avrebbe generato al contesto ambientale di Valleverde e San Claudio e alla città di Macerata sul piano sociale, economico e paesaggistico.

lottizzazione-Giorgini

La lottizzazione Giorgini

Dopo varie e partecipate assemblee pubbliche, animate discussioni e numerosi interventi da parte dei diversi attori della vicenda e dei cittadini maceratesi, il Consiglio Comunale, con Delibera n°80 del 12 ottobre 2010, adottata all’unanimità, ha respinto la suddetta proposta di Variante; contro questa deliberazione sono ricorse al TAR Marche le ditte interessate (Industrie Giorgini S.r.l. e Giorgini Claudio & C. S.n.c.). Con la presente il Comitato San Claudio, il Coordinamento Paesaggio Macerata e Legambiente Marche, intendono informare la comunità, che con grande passione ha seguito e sostenuto questa battaglia, che anche le associazioni hanno deciso di costituirsi parte attiva nel procedimento giudiziario, affiancando l’Amministrazione Comunale con la presentazione di un ricorso “ad opponendum”, che verrà discusso nel merito il giorno 23 febbraio presso il TAR Marche di Ancona.

Continueremo ad essere presenti e vigili affinchè al nostro territorio siano risparmiati interventi che possano compromettere in maniera irreversibile le sue più importanti risorse ambientali, paesaggistiche e storico-artistiche».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X