Elezioni a Civitanova: intervengono Sel e Piergentili (Idv)

- caricamento letture

Dopo il “patto del Miramare” anche Sel interviene nel dibattito politico confermando una posizione di estraneità rispetto alle dinamiche assunte dai partiti maggioritari: “A SEL non interessano le polemiche interne ai partiti – afferma Amedeo Regini – A Sel interessa instaurare un governo cittadino alternativo e progressista dopo quasi venti anni di governo delle destre”. Fondamentale per Regini che la coalizione affronti alcuni argomenti cardine come la Variante alla Statale 16, il funzionamento e la trasparenza della macchina amministrativa, Ceccotti e Metropolitana di Superficie, Cavalcavia. Sulle primarie invece dice: “ In tempi non sospetti mesi or sono SEL  ha inviato a tutti i segretari dei partiti cittadini  un  regolamento per lo svolgimento delle Primarie. Primarie di coalizione aperte con modalità da decidere nella società civile. SEL non partecipa alle Primarie contro qualcuno. SEL vuole essere parte attiva, unitaria convinta che l’unità è la ragione di fondo dei progressisti”.

 

giacomino_piergentili

Il consigliere Giacomino Piergentili (Idv)

Interviene invece sulle parole di Montesi (leggi) Giacomino Piergentili dell’Idv che sostiene che il Pd a Civitanova è frammentato e diviso: “A Tolentino Comi è sceso in campo come candidato unico del PD per acclamazione, per unificare il PD e la coalizione, tanto che vincerebbe le elezioni anche rifiutando le primarie: e da gran signore ha accettato le primarie per allargare la coalizione. A Civitanova è avvenuto l’esatto contrario e chi non ha avuto rispetto per l’unità del PD e per gli alleati, specialmente per l’IDV è stato proprio Silenzi: il PD non è unito sulla sua candidatura e la sua candidatura non unisce il centrosinistra proprio in un momento in cui ci vorrebbe la massima unità e un candidato “giusto” per sconfiggere . E le primarie Silenzi le ha dovute accettare “ob torto collo” non per unire, ma per ottenere con la forza una candidatura perdente che nessuno gli riconosce come naturale dopo la sconfitta alle provinciali del 2009 da Presidente uscente.  Caro Montesi, il PD sarà pure uno, ma fra Comi-Broccolo e Silenzi ce ne corre e per fortuna che il PD lo rappresentano Broccolo e Comi”.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X