Una discarica abusiva
scoperta dietro il cimitero,
scatta il sequestro del Noe

PORTO RECANATI - Si tratta di una zona incolta dove sono stati trovati scarti provenienti da qualche cantiere. L'esposto è stato presentato dal sindaco

- caricamento letture

noeScoperti rifiuti abbandonati in un terreno, i carabinieri del Noe mettono sotto sequestro la zona. E’ successo oggi. Si tratta di un’area incolta che si trova dietro il nuovo cimitero di Porto Recanati. È stato proprio il sindaco, Andrea Michelini, a fare un esposto dopo il rinvenimento di rifiuti abbandonati in modo abusivo. Si tratta di scarti di edilizia: calcinacci, pezzi di asfalto, e materiale che viene da qualche cantiere. Questi “resti” sono emersi in seguito alle piogge che hanno portato via la parte superficiale del terreno facendo riaffiorare la discarica che qualcuno che aveva fatto lavori di costruzione o demolizione ha pensato male di andare a seppellire lì invece di seguire le normali procedure per lo smaltimento. Visto che si tratta di materiali che devono essere conferiti seguendo regole precise, i carabinieri del Nucleo operativo ecologico, in seguito all’esposto del sindaco, hanno sequestrato l’area e dato il via alle indagini.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X