Game design per valorizzazione
di territori e patrimonio culturale,
un nuovo master ad Unicam

CAMERINO - L’università ha attivato un percorso formativo della durata di un anno. Le lezioni saranno svolte prevalentemente online con esami in presenza a partire da dicembre
- caricamento letture
unicam-pettinari-e1657713420239-325x209

Claudio Pettinari, rettore di Unicam

Il game design rappresenta una disciplina alla quale sempre più giovani si stanno avvicinando ed è per questo che l’Università di Camerino ha attivato per l’anno accademico 2022/2023 il nuovo master di primo livello in “Game design per la valorizzazione dei territori e del patrimonio culturale”, promosso dalla sezione di Informatica della Scuola di Scienze e Tecnologie in collaborazione con l’associazione Ivipro (Italian videogame program). «Il game designer per i territori e il patrimonio culturale – sottolinea la professoressa Barbara Re, direttrice del master – è una figura ibrida e duttile, competente sia nell’ambito del game design che nella programmazione base di videogiochi. Un profilo in grado di contribuire, su più fronti e in differenti momenti del processo, a progetti ludici, con un focus particolare sulla valorizzazione del territorio e del patrimonio culturale e sugli aspetti divulgativi dell’esperienza videoludica».

«La figura professionale formata sarà in grado di concepire la struttura di gioco a partire dagli elementi di gameplay e design per arrivare alle fasi di ricerca e scrittura per videogame e sarà dotato degli strumenti necessari per rapportarsi con il team di programmazione, comprenderne le esigenze e fornire supporto tecnico in un’ottica di team working e team building – si legge nella nota -. Dal censimento dei game developer italiani pubblicato nel maggio 2021 da Iidea (Italian interactive digital entertainment association) emergono segnali molto positivi di crescita del mercato videoludico italiano con un impatto più che positivo sull’occupazione: il 59% delle imprese del settore, infatti, progetta di assumere nuovo personale nei prossimi due anni e il settore, si legge nel report, genera opportunità professionali per le giovani generazioni e in ambiti differenti tra cui arte e design».

«Le competenze trasversali acquisite nel corso del Master – prosegue la professoressa Re – consentiranno di operare in molteplici contesti all’interno di un mercato in crescita sia sul fronte produttivo che dei consumi, come testimoniato dalle recenti indagini di mercato».

«Sarà possibile collocarsi all’interno di studi di sviluppo e di istituzioni interessate a valorizzare il patrimonio culturale e territoriale tramite le nuove tecnologie, caratterizzandosi come figura di raccordo tra realtà di sviluppo ed enti locali in grado di concepire e attuare percorsi di valorizzazione e di studio capaci di mettere in relazione patrimonio, contesti culturali tradizionali e videogiochi – conclude Unicam -. Si potrà inoltre trovare impiego in ambito didattico ed educativo, con particolare riferimento al filone della media education, sempre più spesso inclusa nei percorsi scolastici».

Il percorso formativo ha durata di 1 anno e le lezioni saranno svolte prevalentemente online con esami in presenza a partire dal mese di dicembre. Sarà possibile iscriversi entro il 14 ottobre. Tutte le informazioni sono disponibili alla pagina https://computerscience.unicam.it/mastergamedesign.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X