Elezioni, Guido Castelli al Senato:
«Il mio impegno sarà
non deludere chi mi ha dato fiducia»

ASCOLI - Continua la scalata dell'ormai ex assessore regionale (FdI), eletto con una percentuale storica che non ha precedenti nel capoluogo. «Frutto dell'impegno di tutti, dalla Meloni al sindaco Fioravanti, e della credibilità dei candidati. Sono gratificato ma anche atteso da una grande responsabilità in un momento moto difficile  per l'Italia»
- caricamento letture

guido-castelli-4

Guido Castelli

di Andrea Ferretti

La sua elezione al Senato non era un affare complicatissimo, ma ora è certa e soprattutto ufficiale. Guido Castelli, assessore regionale al Bilancio e alla Ricostruzione ed ex sindaco di Ascoli, è stato eletto in queste elezioni che nel Paese hanno segnato la schiacciante vittoria della coalizione del centrodestra capitanata da Giorgia Meloni. Successo netto, quindi, anche nelle Marche e nel Piceno.

Castelli_Ricostruzione_FF-14-300x200«Il mio impegno sarà non deludere chi mi ha dato fiducia». Non è uno slogan, ma le prima parole pronunciate a caldo, anzi a caldissimo, dal nuovo senatore della Repubblica Italiana il quale procede spedito in un percorso politico che ha pochi precedenti. A salire a Palazzo Madama è il giovane consigliere d’opposizione del Comune di Offida, storica roccaforte della Sinistra, passato poi attraverso l’Amministrazione provinciale (consigliere), la Regione Marche (consigliere) e il Comune di Ascoli di cui è stato sindaco per due mandati, dal 2009 al 2019. Poi ancora Regione, come assessore, ed ora questa investitura a senatore.

Quella di Guido Castelli è stata una vittoria di partito, della coalizione. Certo, ma che si tratti di un grande successo personale è fuori dubbio. «E’ un risultato storico per la destra, il 35% ad Ascoli non ha precedenti, è una percentuale superiore a quella regionale. Ma siamo andati bene anche nell’entroterra. Questo è il frutto dell’impegno di tutti, da Giorgia Meloni al sindaco Marco Fioravanti. Ma vorrei sottolineare come sia stata determinante la credibilità delle persone candidate, di chi è sceso in campo».

 

Castelli_CameraCommercio_ZES_FF-9-300x200La leadership del centrodestra ad Ascoli non è certo una novità. Si apre un nuovo capitolo. «La città – prosegue Castelli – dal 1999 è governata dal centrodestra. Ma a queste elezioni ha risposto molto bene anche il territorio, non dimenticando che la Provincia è amministrata dal centrosinistra. Ma il centrodestra da anni è una “voce” importante sia per il Piceno che per le Marche».

Un’elezione scontata? Per certi versi sì. Certo però che l’emozione supera ogni limite quando vai a letto da assessore regionale e ti svegli da senatore. Proprio quello che in queste ore è capitato a Guido Castelli. «Sì, è vero, è un’emozione diversa, anche perchè alla gioia e alla gratificazione si aggiunge il sentimento che si prova quando vieni investito di grandi responsabilità. Nel mio, nel nostro caso, è quello di prendere in mano l’Italia in un momento molto difficile e complicato».

Come sempre accade quando si vince qualcosa o si taglia un traguardo importante, immancabile chiedere al neo senatore la classica dedica. Il primo pensiero di Guido Castelli è per il padre. «Non era di destra, ma mi ha insegnato due cose fondamentali: il rigore e il senso del dovere».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X