Pic nic, aperitivo e caccia al tesoro,
il Vaccaj aperto 36 ore
per la prima maratona teatrale

TOLENTINO - Originale iniziativa della Compagnia della Rancia. Si inizia venerdì 1 luglio alle 12
- caricamento letture
TOHC_CDR_CMS@TeatroVaccaj

La presentazione della maratona teatrale

Il Teatro Vaccaj aperto per 36 ore consecutive per ospitare la prima maratona per vivere lo spazio teatrale a 360°.
Compagnia della Rancia, in collaborazione con Consorzio Marche Spettacolo e col patrocinio del Comune di Tolentino, presenta “A teatro mi sento a casa”, nell’ambito di “Tohc! – Teatri Oggi Hub di Comunità”, un progetto co-finanziato dal Por Marche Fesr 2014/2020, che vuole favorire una nuova idea di teatro inteso sempre più come hub di comunità e che vuole renderlo accessibile a tutti, in particolare ai più giovani. Una maratona di 36 ore continuative in cui il Teatro Vaccaj spalanca le proprie porte alla città e si lascia esplorare: dalla musica al racconto, da semplice spazio di lettura a luogo di incontro e aggregazione, il teatro si trasforma a seconda delle persone che vogliono farvi esperienza, per promuovere una nuova concezione del luogo “teatro”, che va aldilà della programmazione teatrale e farlo vivere pienamente dagli abitanti di Tolentino e non solo.
“A teatro mi sento a casa” è un progetto reso possibile anzitutto dal coinvolgimento delle tante associazioni attive sul territorio e dalla loro collaborazione con Compagnia della Rancia nella programmazione e svolgimento delle attività che avranno luogo dalle 12 di venerdì 1 luglio, alle 24 di sabato 2 luglio, in cui chiunque potrà: cantare, danzare, recitare, suonare uno strumento, esplorare il teatro, leggere uno dei libri messi a disposizione da “La bottega del libro – Mondadori store” in platea, nei palchi o nel foyer, trasformare il teatro in un personale set fotografico, visitare la mostra fotografica di Benedetta Micheli “Il senso del tempo”, disegnare, dipingere, colorare, ricamare, utilizzare il teatro come semplice spazio di incontro, mangiare un gelato artigianale della “Gelateria Luciano”, fare colazione o prendere un aperitivo con i prodotti tipici di “Alimentari Fioretti”, organizzarsi per un pic-nic nella piazza del teatro, giocare a burraco, bridge, scacchi, completare un puzzle e sfidarsi ai giochi di società, tutto questo e molto altre attività sempre nel rispetto del luogo. Oltre a ciò, sarà possibile prendere parte alla caccia al tesoro organizzata per i più giovani in compagnia di adulti, che condurrà in ogni luogo del teatro e racconterà le sue curiosità.
«Abbiamo accolto con piacere – ha dichiarato durante la presentazione la presidente del Consorzio Marche Spettacolo Katiuscia Cassetta – l’originale e inconsueta proposta della Compagnia della Rancia di tenere aperto il Teatro Vaccaj per trentasei ore. Queste sono, infatti, le azioni che confermano il forte spirito di comunità intorno ai tanti teatri storici delle Marche, ora candidati come patrimonio mondiale dell’umanità Unesco».
«La Compagnia della Rancia – continua il direttore del Cms Lucia Chiatti – si distingue ancora una volta per l’originalità delle proposte e il forte senso di appartenenza al territorio dando la possibilità a tanti di avvicinarsi, incuriosirsi e visitare un luogo identitario e radicato nel territorio, un luogo che accoglie e restituisce emozioni».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 1
Civitanova = 
Elezioni =