Riqualificazione del parco di Villa Spada,
arrivano due milioni di euro:
«Primo progetto della regione»

TREIA - I lavori saranno finanziati dal bando nazionale con i fondi del Pnrr per giardini e parchi storici. Il sindaco Franco Capponi: «Sono già in corso i lavori nella casa del custode, per un milione e 300mila euro. Resta la sistemazione della villa danneggiata dal sisma»
- caricamento letture
villa-spada-4-325x244

Villa Spada

di Giulia Sancricca

Due milioni di euro per la riqualificazione del parco di Villa De Medici Spada di Treia. Il progetto si è piazzato al 27esimo posto tra tutti gli altri presentati a livello nazionale per la riqualificazione di parchi e giardini storici. Primo posto, invece, tra quelli marchigiani.
Lo annuncia con soddisfazione il sindaco Franco Capponi che ripercorre le fasi dell’iter.
«Abbiamo partecipato al bando nazionale per i fondi del Pnrr per la rivitalizzazione dei parchi e dei giardini storici. Ci siamo presentati con il progetto per la riqualificazione del parco di Villa Spada. Si tratta di un parco che ha il vincolo della Soprintendenza in quanto collegato alla struttura realizzata da Valadier. È stato proprio grazie all’importanza del parco e della villa, e anche al valore storico della struttura, che siamo riusciti a raggiungere questo obiettivo».

Capponi_Treia_Teatro_FF-4-325x217

Il sindaco Franco Capponi

Il primo cittadino sottolinea il lavoro svolto «dagli uffici comunali affiancati da consulenti esterni. Grazie alla loro professionalità è nato un progetto che oggi è arrivato al 27esimo posto, per importanza, a livello nazionale e al primo posto in regione».
Si tratta di due milioni di euro di finanziamento concessi per la «riqualificazione del parco. Un’area verde di circa 27mila metri quadrati – spiega Capponi – con inserti di muri a secco e percorsi pedonali all’interno».
L’intervento si unisce ad altri lavori che sono già in cantiere e a quello più corposo che il Comune spera di fare sulla dimora principale.

villa-spada-2-325x217«La sistemazione del parco – prosegue il sindaco – serve a valorizzare questa importante villa. E ci dà un grande entusiasmo perchè pian piano stiamo ottenendo i fondi per recuperare tutto quello che riguarda la dimora. Nello specifico, sono in corso i lavori nella casa del custode, per un milione e 300mila euro: un altro edificio storico vincolato. Abbiamo ottenuto altri finanziamenti per recuperare diverse emergenze architettoniche e l’unica cosa che rimarrà da fare dopo il parco è la sistemazione e della villa. La struttura è stata danneggiata dal sisma e ci sono buone possibilità di avere presto le risorse per sistemarla».
Capponi fa il punto anche sui tempi. «Ora dobbiamo trasformare il progetto definitivo per il parco in un progetto esecutivo – dice – . Bisognerà aggiornarlo rispetto ai nuovi prezzerai emanati e poi andremo alla gara d’appalto. Entro il 2023 – conclude – credo che potremmo avere gran parte dei lavori realizzati».

Treia, regno del pallone col bracciale Lando e Dino svelano “il porto de Pignà” Tuffo nel Medioevo a Montecassiano (VIDEO)

Borghi imperdibili delle Marche, Treia nella guida nazionale



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =