La torcida biancorossa pronta
ad infiammare l’Eurosuole:
«Saremo il settimo uomo in campo»

FINALE SCUDETTO - I tifosi della Lube si preparano per gara 4 domani contro Perugia, secondo match ball per i cucinieri. Prevista una nuova coreografia rispetto a quella de ‘La Casa di Carta’ che ha contraddistinto le prime sfide della serie. Giuliana Grifantini, presidente di Lube nel Cuore: «Sarà un tema ugualmente spettacolare, non faccio pronostici. Con i perugini non c'è un grande feeling abbiamo due modi diametralmente opposti di intendere il tifo». Matteo Baldoni del Predators: «L’emozione è tantissima così come la tensione, la speranza di festeggiare in casa c'è, inutile negarlo». Giacomo Andreani: «Ripetiamo l’appello fatto ai fortunati che saranno al palazzetto: indossate una maglietta rossa»
- caricamento letture
lube-volley-sir-perugia-gara-2-finale-FDM-2-650x433

La coreografia dei tifosi della Lube in gara 2

di Mauro Giustozzi

I tifosi ci credono. E il palazzetto sarà il settimo uomo in campo in gara 4. Tra speranza, scaramanzia, coreografie nuove e sempre spettacolari la torcida biancorossa si avvicina alla partita che domani potrebbe assegnare lo scudetto alla Lube. Nessuno vuole andare oltre o pensare ad un’eventuale gara 5 a Perugia.

Giuliana-Grifantini-e1652195366407-325x295

Giuliana Grifantini

La concentrazione, al pari di quella della squadra di Blengini, dei tifosi di Lube nel Cuore e della curva è tutta sulla partita di domani che presenterà una coreografia diversa e nuova rispetto a quella de ‘La Casa di Carta’ che ha contraddistinto le prime sfide della serie. Anche per ovvii motivi organizzativi, visti gli appena due giorni a disposizione tra la partita disputata in Umbria e quella che andrà in scena nelle Marche.

«La coreografia ci sarà, con il tema che cambia ma sarà ugualmente spettacolare – esordisce Giuliana Grifantini, presidente di Lube nel Cuore – e sin da lì parte quello che sarà il sostegno di tutto il palas alla nostra squadra che affronta una partita importantissima. Non faccio pronostici, non li ho mai fatti e non li faccio neppure adesso. Io credo che per tornare a vincere contro la Sir Safety la Lube debba commettere meno errori rispetto a gara 3: nelle ultime partite abbiamo visto una squadra compatta, unita e determinata».

tifosi-lube-5-325x217

I tifosi biancorossi all’Eurosuole Forum

«Domenica – continua – c’è stato qualche errore di troppo forse anche dovuto alla tensione della sfida ed al fatto di giocare fuori casa. E’ chiaro che Perugia doveva reagire, personalmente non ho mai pensato che gli umbri perdessero la serie 3-0, soprattutto in casa loro. Per quanto riguarda i rapporti con la tifoseria perugina diciamo che non c’è un grande feeling anche perché abbiamo due modi diametralmente opposti di intendere il tifo. Il modo dei perugini a noi non piace, per cui ho detto tutto con questo e non vado oltre».

lube-fine-partita

Festa Lube alla fine di gara 2, vinta dai biancorossi

Una Civitanova che in questa serie ha avuto l’apporto di tutti i componenti della rosa, non solamente dei campioni più osannati. «E’ vero che Simon soprattutto nelle prime due gare è stato il punto di riferimento – prosegue la presidente – però anche tutti i compagni hanno fatto la loro parte con grande compattezza in tutti i fondamentali. Pure Garcia e Kovar sono stati determinanti quando sono stati chiamati in campo. Noi contiamo che il tifo domani sia il settimo uomo in campo. Veniamo da un periodo difficile segnato dalla pandemia, dalle restrizioni al palas, dalla paura delle persone di entrare in un luogo chiuso. Tutto questo ha tolto passione agli sportivi ma nelle ultime gare ho rivisto finalmente tante presenze non solo nella nostra curva ma direi in ogni settore del palazzetto. Credevo fosse più difficile riportare gente alle partite: magari ha influito il fatto che siamo alla finale, però vediamo rinato l’entusiasmo, la passione per il volley rifiorire nel rispetto delle regole. Come curva non abbiamo mai mollato anche nei periodi più difficili di questi ultimi due anni ma ora rivedere tantissima gente al palas è una grande gioia».

Giacomo-Andreani-1-325x244

Al centro Giacomo Andreani

Giacomo Andreani del club dei tifosi biancorossi è presidente onorario, anche lui da una vita a fare il tifo per la Lube in ogni parte d’Italia. «La sensazione che ho alla vigilia di questa gara 4 è mista -ribadisce Andreani- nel senso che c’è tanta speranza e carica per affrontare questa sfida. Vogliamo costruire tutti assieme qualcosa di bello, di forte, che possiamo ricordarci. E non dico altro. Faremo una bella coreografia per questa sfida sold out dopo poche ore. Come l’ultima volta coinvolgerà tutto il palazzo dando il segnale che non sarà solo la curva a fare il tifo ma ogni settore«.

tifosi-lube-2-325x217«Ripetiamo l’appello fatto ai fortunati che saranno al palazzetto – aggiunge – cioè di indossare una maglietta rossa ed a spingere la squadra in particolare nei momenti di difficoltà che potranno esserci perché siamo pur sempre in una finale scudetto. Mi aspetto un’altra battaglia sportiva contro la Sir ma auspico una Lube più cinica che rispetto a domenica nei momenti in cui può graffiare lo faccia. Perugia ha ripreso consapevolezza della propria forza e il livello di gioco sarà ancora più alto delle partite precedenti. Si affrontano due squadre che hanno risorse importanti in particolare in panchina che, alla lunga, può fare la differenza. Io credo che questa sarà anche la chiave di gara 4. Non mi aspettavo che la Lube volasse avanti 2-0 nella serie ma ora che ci siamo dobbiamo sfruttare questa opportunità e non concedere nulla alla Sir. Il pubblico, dopo una stagione complicata direi alla stregua di quella vissuta dalla squadra quest’anno, adesso sta tornando ai livelli di tre anni fa. Si è riaccesa quella fiamma, c’è un grande livello di coinvolgimento, di passione talmente forte che è segnato anche dalla presenza di tanti nuovi e giovani tifosi che sono arrivati in curva a tifare Lube».

Matteo-Baldoni1.jpg-325x314

Matteo Baldoni

Matteo Baldoni col megafono in mano è colui che guida i tempi ed i cori del Predators durante le partite in casa e in trasferta dei biancorossi. Pronto ad accendere le ugole dei suoi per la supersfida contro Perugia. «L’emozione è tantissima così come la tensione è molta per questa gara 4 -ci dice Baldoni- tranquilli non si può essere mai in questa serie. La prima occasione è andata male per chiudere e ci riproveremo domani con tanta intensità e determinazione, noi sugli spalti ed i giocatori in campo. La speranza di festeggiare lo scudetto in casa c’è, inutile negarlo: se avessimo vinto a Perugia la festa sarebbe stata minore rispetto a quello che potrebbe accadere in caso di successo nel nostro palazzetto. Non possiamo però dire nulla, nella nostra tifoseria c’è molta scaramanzia quindi aspettiamo fiduciosi. Posso dire che noi ci crediamo come sempre abbiamo creduto in questa squadra, anche nei momenti più difficili della stagione, quando si poteva venire in pochi al palas e magari i risultati erano meno brillanti. La squadra si è compattata per questo finale di campionato, è cresciuta, e noi ci crediamo.lube-volley-sir-perugia-gara-2-finale-FDM-4-325x217I giovani del gruppo, nello specifico Yant e Garcia, che probabilmente avrebbero avuto meno spazio se gli altri campioni che ci sono non avessero avuto gravi infortuni, hanno dimostrato in campo di valere e sono molto cresciuti proprio giocando. Bravo chi li ha scelti ma bravi anche loro gettati in campo obbligatoriamente hanno dato un grande contributo affinché la Lube arrivasse sino a questo punto».

Tifosi che soprattutto in gara 2 vinta 3-0 dalla Lube, hanno letteralmente trascinato con l’incitamento la squadra al netto successo sugli umbri.

tifosi-lube-3-325x217

«Mi fai rivivere un’emozione grandissima –ricorda Matteo Baldoni- vissuta quella sera. Una coreografia come quella è stata eccezionale non solo per la sua spettacolarità ma anche e soprattutto perché tutti i settori hanno contribuito a renderla così efficace, non solo la nostra curva. E’ una grande vittoria anche per noi perché siamo partiti come tifoseria un po’ in sordina ma siamo cresciuti tanto in questi anni, riuscendo anche a coinvolgere altri settori del palazzetto che talvolta viene alla partita più ad assistere che a fare tifo: in gara 2, invece, si è visto cosa significa quando tutto il palazzo diventa curva e quanto può incidere sui nostri giocatori che sono stati avvolti e trascinati verso quel successo. Ambiente che deve ripetersi anche in gara 4: puntiamo a finirci la voce per poi metterla a riposo per l’anno prossimo».

 

Finale scudetto Lube-Perugia, alle 18 riapre il botteghino: «All’Eurosuole Forum ci sono ancora posti»

Lube, è caccia al tricolore: «Vogliamo chiudere in gara 4 con il sostegno dei nostri tifosi»

Eurosuole Forum sold out (Foto) Biglietti esauriti in meno di due ore per gara 4 della finale Scudetto

Perugia riapre la finale Scudetto, al PalaBarton finisce 3-1 Match point in casa per la Lube

Lube stellare, Civitanova sogna Perugia crolla in tre set C’è profumo di Scudetto (Foto)

Impresa Lube a Perugia, vince la prima tappa della maratona all’ultimo respiro (Foto)

Giulianelli vuole il settebello tricolore: «La mia Lube è immortale, vincere sarebbe la nostra consacrazione»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X