Fiori, striscione e una poesia
per la primaria Benedetta Ferretti
In 7.500 volevano restasse

SAN SEVERINO - Oggi ultima giornata di lavoro per la dirigente di Oncologia. Va in pensione salutata dai suoi pazienti e dai colleghi. Per farla restare in servizio c'era stata anche una raccolta firme. «Vi lascio in ottime mani. Sono sempre vissuta nella mia stanza, in mezzo ai pazienti ed al computer, ma è stato un piacere. Grazie per aver creduto in noi»
- caricamento letture
pensione-ferretti-6-650x488

Fiori e uno striscione per Benedetta Ferretti, primaria di Oncologia

di Monia Orazi

Uno striscione “7.509 firme per Benedetta, grazie”, un mazzo di fiori ed un brindisi fuori dall’ospedale: si è concluso così, oggi pomeriggio alle 16, l’ultimo turno di lavoro per Benedetta Ferretti, primario del reparto di Oncologia di San Severino, per cui si è assistito ad una mobilitazione, con una raccolta firme promossa da un gruppo di pazienti e familiari, per chiederne la proroga del mantenimento in servizio.

pensione-ferretti-8-650x488L’iniziativa popolare purtroppo non è bastata, alla dottoressa molto apprezzata dai pazienti per la sua competenza, la grande disponibilità e l’umanità con cui ha sempre esercitato la professione, non è stato concesso di rimanere a lavorare in ospedale, da domani sarà ufficialmente in pensione.

A dirigere Oncologia è arrivato Luca Faloppi, per la Ferretti era stato ipotizzato un incarico in collaborazione con lo Iom, istituto oncologico marchigiano, per l’assistenza domiciliare ai pazienti, ma ad oggi non c’è traccia di documenti ufficiali Asur in tal senso. Le promotrici della raccolta firme, pazienti, ex pazienti e loro familiari, persino le infermiere in servizio con lei nell’ultimo turno, non sono volute mancare a questo festoso saluto, con tanto di commozione e foto ricordo.

pensione-ferretti-1-650x488Una ex paziente ha improvvisato una poesia in rima per salutarla: «Cara dolce dottoressa, tu per noi sei una leonessa. Siam coccolati, sotto la tua grande lente a te non sfugge niente. Chi non bussa alla tua porta, non lo sa, o non gli importa, che per noi sei una gran cosa la più bella, la più preziosa. Ora che andrai in pensione, mancherà la tua passione, ma quella che non ci fa sentire la paura di morire. Ora gioca la tua partita prendi in mano la tua vita. Noi con dire affettuoso, ti auguriamo buon riposo».

pensione-ferretti-5-650x488Sempre schiva e dedita al lavoro, Ferretti ha pronunciato poche parole di ringraziamento: «Sono sempre vissuta nella mia stanza, in mezzo ai pazienti ed al computer, ma è stato un piacere, grazie a voi per aver creduto in noi. Il paziente oncologico spesso cerca strutture più grandi è stato bello poter curare qua da noi le persone, grazie a tutta la mia squadra, siete in ottime mani, la mia presenza ci sarà sempre».

Chiunque sia passato per ragioni personali o familiari nel suo reparto, sa bene quanto l’atmosfera accogliente e quasi familiare del reparto faccia bene al cuore, nei terribili istanti in cui si affronta un terribile male come il cancro, contribuendo a creare un clima di serenità, per quanto possibile, per i pazienti ed i loro familiari. Così commenta l’iniziativa Raffaella Santinelli, tra le promotrici della raccolta firme: «E’ dispiaciuto a tutti moltissimo, che la dottoressa Ferretti non abbia potuto continuare a prestare servizio. Questo è per lei un nuovo inizio, la speranza è che il reparto continui a servire tutto questo vastissimo territorio, contiamo molto suFaloppi che aspettiamo al lavoro. Sono state raccolte tantissime firme, ma non sono tutte, me ne continuano ad arrivare ancora molte. Hanno firmato persone da tutte le Marche. Questo deve essere un invito, una domanda che facciamo alla politica, che attendiamo ci dia una risposta. Speriamo che si attivi l’assistenza domiciliare ai malati oncologici, che è stata promessa, che potrebbe rappresentare un elemento che attenua i problemi che a volte l’aggregazione dei reparti tende a portare, speriamo rappresenti un punto di raccordo». Il 6 maggio si svolgerà una cerimonia per il pensionamento della primaria, a comunicarlo Daniela Corsi, direttrice dell’Area Vasta3. .

 

Chiodera va in pensione, commozione alla cerimonia Corsi: «Impegno e capacità»

I pazienti di Oncologia raccolgono le firme: «Vogliamo che la dottoressa Ferretti resti»

San Severino, mobilitazione per Oncologia «Per il Covid tornano medici dalla pensione, perché la dottoressa Ferretti non può restare?»

San Severino, Faloppi alla guida di Oncologia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =