Indagini dopo le ultime overdose,
arrestato pusher dell’eroina
Analisi sulla droga sequestrata

MACERATA - Operazione della Squadra volante e della Squadra mobile, in manette il nigeriano Alfred Bright, ritenuto al centro di una rete di spaccio. Perquisita la casa di via Severini. Trovate 62 dosi pronte ad essere vendute
- caricamento letture

polizia-archivio-arkiv-1-325x244

 

di Gianluca Ginella

Indagini sullo spaccio di eroina dopo le recenti overdose, finisce in manette un 29enne nigeriano, Alfred Bright, che abita in via Severini a Macerata. L’uomo in casa aveva 62 dosi di eroina, tenute in un bicchiere all’interno di un armadietto. Trovati anche tre ovuli che erano conservati in un frigorifero. L’operazione nasce dalle riunioni tecniche di coordinamento che si sono svolte in Prefettura e che hanno portato ad un incremento dei controlli sul territorio per la prevenzione dello spaccio di droga.

Ieri mattina i poliziotti della volante e della Squadra mobile di Macerata, diretta dal commissario capo Matteo Luconi, hanno messo a segno una perquisizione in un condominio che gli era familiare perché pochi giorni prima in un palazzo vicino avevano arrestato un albanese di 23 anni, Enrikko Jashari (in quel caso è stata trovata cocaina). I poliziotti, dopo le overdose avvenute a Macerata, le ultime sabato (quando è morto il 47enne Luca Del Bello) e lunedì mattina quando una 44enne è stata salvata sulla Carrareccia, hanno avviato una serie di indagini che li hanno portati a individuare una fitta rete di clienti che si riforniva dal 29enne nigeriano.

matteo-luconi

Matteo Luconi, capo della Squadra Mobile

I clienti gli telefonavano e preso appuntamento si incontravano in strada. Lui arrivava con la dose da consegnare tenendola in bocca, una precauzione adottata dai pusher che, in caso di controlli e per evitare l’arresto, sono pronti a correre il rischio di inghiottire lo stupefacente.

Dopo che i poliziotti hanno analizzato con servizi di osservazione come agiva il 29enne ieri mattina lo hanno preso di sorpresa, bloccandolo mentre usciva di casa. Poi è scattata la perquisizione di un appartamento al secondo piano seminterrato che il giovane usava come deposito della droga.

Nella camera da letto di Bright sono state trovate 62 dosi di droga, confezionate a forma di sfere contenute in un bicchiere all’interno di un armadietto. C’erano poi nel frigo tre dosi, in forma di ovuli. Inoltre i poliziotti hanno trovato quasi 4mila euro in banconote di piccolo taglio, ritenute provento di spaccio. L’uomo è stato arrestato e si trova in carcere a Montacuto di Ancona con l’accusa di spaccio di droga. L’uomo è assistito dall’avvocato Francesca Pettinelli. Sabato la convalida dell’arresto.

L’eroina è stata sequestrata e sarà esaminata per capire se fa parte di una partita legata alle ultime overdose che ci sono state a Macerata. Nel capoluogo, da inizio anno, sono state sei.

Trovato morto in casa, caccia al pusher

Va in overdose lungo la Carrareccia, salvata una 44enne

Tragedia a Borgo San Giuliano, trovato morto un 47enne

Morti per overdose, Marche sempre peggio A Macerata spaccio itinerante e in periferia Civitanova mercato della coca degli albanesi

Overdose nei bagni pubblici, salvato un 34enne

In ripresa nel Maceratese l’attività di spaccio di clan albanesi Overdose, Marche prime per tasso mortalità

Ragazza va in overdose, salvata dal 118

Overdose in centro storico, salvata una ragazza

Prima morte per overdose del 2022: «Troppi errori e sottovalutazioni, fare prevenzione è una necessità»

Addetto alla giostra va in overdose, trovato morto nel bagno del Valdichienti



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =