Fratelli d'Italia

Dalle bombe dell’Ucraina
alla scuola di Civitanova Alta:
la storia di Marko e Matviy

GUERRA - Hanno 7 e 9 anni e sono stati accolti alla San Giovanni Bosco grazie al marito della nonna, il civitanovese Settimio Petrelli che è andato a prenderli al confine con la Slovacchia. Il sindaco Ciarapica: «Questa bella vicenda spero sia da stimolo per far crescere la catena umanitaria fino alla cessazione del conflitto, che speriamo avvenga al più presto»
- caricamento letture
bambini-ucraini-2-650x488

Marko e Matviy

Primi bimbi ucraini nelle scuole di Civitanova. Marko e Matviy di 7 e 9 anni sono da pochi giorni alunni della scuola San Giovanni Bosco della città alta.

bambini-ucraini-1-e1647431392168-325x339

Il primo giorno a scuola

I due fratelli fino a poche settimane fa abitavano a Ivano-Frankivs’k, città dell’Ucraina situata nella parte occidentale del Paese, inizialmente risparmiata dall’offensiva russa, ma successivamente colpita da raid. Da qui la decisione della giovane mamma Oksana di raggiungere la mamma e la sorella Irina a Civitanova, grazie all’aiuto di Settimio Petrelli, marito della mamma di Oksana, che li ha raggiunti con la sua auto al confine della Slovacchia portandoli così in salvo. I fratellini sono stati amorevolmente accolti a casa della zia (che già viveva a  Civitanova) ed ora frequentano le classi prima e terza C della Don Bosco a tempo pieno. La scuola ha infatti raccolto l’appello del ministero dell’istruzione di accogliere in classe i bambini ucraini che sono temporaneamente in Italia.

I piccoli non parlano italiano, ma in classe c’è un bambino ucraino che è bilingue e fa da tramite per la prima integrazione nell’ambiente scolastico. Ieri, l’amministrazione comunale ha predisposto tutti i documenti per far usufruire ai bambini anche del servizio mensa, fornendo gratuitamente, di concerto con la ditta All Food, il pasto.

«Questa è una storia a lieto fine nel dramma quotidiano che l’Ucraina sta vivendo – ha detto il sindaco Fabrizio Ciarapica – Abbiamo voluto raccontare questa storia per far sentire la nostra vicinanza a tutte le persone dell’Ucraina e siamo orgogliosi della risposta immediata che le nostre scuole sono riuscite a garantire a Marko e Matviy e agli altri ragazzi arrivati con la loro famiglie. La macchina della solidarietà si è attivata immediatamente e l’amministrazione comunale è impegnata a garantire anche questa emergenza e gli uffici sociale e scolastico fanno ogni giorno da tramite per far arrivare gli aiuti in tempo reale a coloro che arrivano in città. Questa bella storia spero sia da stimolo per far crescere la catena umanitaria fino alla cessazione del conflitto, che speriamo avvenga al più presto».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni = 1