Maceratese, ko pesantissimo
La Futura 96 vince 3 a 2

PROMOZIONE - Prima sconfitta per mister Trillini. Perez e Tittarelli, a cavallo dell'intervallo, pareggiano l'uno due firmato da Cingolani e Pelliccetti, il quale trasforma poi il rigore della vittoria. Una crisi di gioco e di risultati sempre più evidente che mette a rischio l’accesso ai playoff
- caricamento letture

 

Futura-Maceratese-3-650x366

Futura 96 e Maceratese in campo a Capodarco di Fermo

di Mauro Giustozzi

La Futura 96 batte la Maceratese 3 a 2 e l’aggancia in classifica rendendo la corsa playoff ancora più incerta. Alla quarta partita in panchina arriva la prima sconfitta anche per mister Trillini, la terza stagionale per la Rata dopo quelle contro Chiesanuova e Monterubbianese, con una crisi di gioco e di risultati sempre più evidente che mette a rischio perfino l’accesso agli stessi spareggi promozione. Girandola di emozioni, gol a grappoli favoriti da molti errori, Maceratese capace di rimontare il doppio svantaggio in sette minuti dopo aver incassato due reti in quattro minuti, ma sono ancora i troppi errori difensivi a condannare alla sconfitta i biancorossi. Un ko pesantissimo che conferma la fragilità esterna della Rata che vede allontanarsi sempre di più il vertice della classifica e che ora dovrà ricompattarsi rapidamente, reagire e risollevarsi per cercare di conquistare almeno un posto nella griglia degli spareggi di fine stagione per non far diventare totalmente fallimentare il suo campionato.

Enzo-Rivamar-Maceratese

Enzo Rivamar, nuovo giocatore della Maceratese

La cronaca. Maceratese priva dello squalificato Lapi. Per questa sfida mister Trillini cambia quattro undicesimi della formazione che ha battuto il Portorecanati, con Armellini che rileva il capitano al centro della difesa, Massei e Perez che ritrovano una maglia da titolare e Battezzati in attacco che parte dall’inizio per far coppia con Tittarelli. In panchina si rivede Mastronunzio e c’è anche l’ultimo arrivato, l’argentino Rivamar un giovane centrocampista under (classe 2003), arrivato in Italia la scorsa estate dove si è allenato prima con la Primavera dell’Ascoli poi sempre in prova le esperienze con Pescara e Mantova ma in nessuno dei due casi, per problemi burocratici, è arrivato il tesseramento. Infine l’approdo in serie D con la maglia dell’Alto Casertano nel girone F ed il recente addio alla squadra ultima in classifica e con una situazione societaria allo sbando. I fermani guidati da Cuccù sono reduci dall’ottimo pareggio colto a Treia che li ha avvicinati alla zona playoff e vantano il secondo miglior attacco del girone dopo quello che Chiesanuova capolista. Come stabilito dalla Figc tutte le partite dei campionati di calcio in Italia di questo fine settimana cominciano con 5 minuti di ritardo per protesta contro la guerra in Ucraina ed anche al campo sportivo ‘Postacchini’ viene osservata tale disposizione. Si gioca sul sintetico per cui le pessime condizioni meteo, pioggia e vento freddissimo, della giornata invernale vengono parzialmente limitate. Che l’attacco sia il punto di forza della squadra di Capodarco se ne rende subito conto la Rata. Partenza a razzo dei locali che sorprendono una Maceratese che non si aspettava tanta aggressività e nel giro di quattro minuti incassa due gol dalla formazione di casa in maglia verde. Apre le danze al 3’ Cingolani che impallina Santarelli e mette a segno la sua settima rete con la Futura. Rata che sbanda e viene azzannata dai padroni di casa che raddoppiano dopo quattro minuti col capocannoniere Pelliccetti (giunto a quota undici reti stagionali) che sfrutta anche un difettoso intervento di Santarelli non nuovo a questi errori.

Futura-Maceratese-1-325x183Confermata la forza dell’attacco di casa ma al contempo l’estrema fragilità difensiva dei biancorossi nell’approcciarsi alle partite soprattutto quelle in trasferta. La reazione della Rata è blanda, bisogna attendere verso metà tempo per annotare una potenziale opportunità offensiva con Battezzati che però non si concretizza. Poco dopo una punizione di Pucci dal limite, per un fallo subito dallo stesso attaccante argentino, al 29’, sfiora il montante della porta difesa da Bonifazi. Deboli segnali di ripresa della squadra di Trillini che prova a rialzare la testa dopo il terribile avvio di gara. Santarelli che si riscatta dopo l’errore che ha propiziato il raddoppio della Futura 96 quando si oppone alla conclusione di Cingolani, al 37’, che va vicinissima alla terza segnatura che avrebbe potuto chiudere la sfida.

Futura-Maceratese-2-325x183Dal gol mancato al gol subito la legge del calcio scatta inesorabilmente anche al ‘Postacchini’ merito di un’azione ospite che fa arrivare palla a Perez che non sbaglia, supera Bonifazi e accorcia le distanze. Gol di fondamentale importanza per la Maceratese per affrontare la ripresa con un morale diverso ed uno svantaggio minimo sulla Futura. Ed infatti la squadra di Trillini entra in campo con ben altro piglio ed al 4’ trova il meritato pareggio: Tittarelli (nono centro in campionato) sfrutta un liscio della difesa fermana, si trova davanti al portiere ed è freddo a fulminarlo per il gol del 2-2. Partita raddrizzata dai biancorossi galvanizzati dalla rimonta in sette minuti a cavallo dei due tempi. Sfida che torna apertissima a qualsiasi risultato. Doppio cambio nella Maceratese con Marchetti e Ripa che rilevano Marino e Battezzati. Partita che entrambe le squadre provano a vincere anche se di vere palle gol non ce ne sono. Sino al 20’ quando un grave errore difensivo di Marchetti regala un netto calcio di rigore ai padroni di casa che Pelliccetti trasforma riportando avanti la sua squadra. Da qui alla fine succede più poco, Trillini getta nella mischia anche Mastronunzio ma la Futura 96 fa buona guardia e si porta a casa un successo di platino.

Il tabellino:

FUTURA 96: Bonifazi; Monti, Marzan, Capiato, Marozzi; Smerilli, Pelliccetti, Murazzo, Mannozzi; Cingolani R., Gentile. A disp.: Verone, Rosettani, Conte, Gobbi, Gentili, Nepi, Cingolani A., Bianchini, Santarelli. All. Cuccù.

MACERATESE: Santarelli; Zandri, Marino (dal 14’ s.t. Marchetti), Armellini, Vallorani; Massei, De Cesare, Pucci; Perez; Battezzati (dal 14’ s.t. Ripa), Tittarelli. A disp.: Farroni, Ghannaoui, Massini, Giaccaglia, Rivamar, Dieme, Mastronunzio. All. Trillini.

ARBITRO: D’Ascanio di Ancona.

RETI: Cingolani (F) al 3’, Pelliccetti (F) al 7’, Perez (M) al 43’p.t.; Tittarelli (M) al 4’, Pelliccetti (F) su rigore al 20’ s.t

Troppa acqua sul “Martini”, rinviata Corridonia-Civitanovese



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =