Tre laboratori relazionali
sulla genitorialità

A TOLENTINO è attivo il progetto "Lavori in corso - Adottiamo la città". Previste attività a sostegno e coinvolgimento di minori, famiglie, comunità educante e stakeholder locali. Gli incontri, gratuiti e rivolti a tutti, saranno condotti da una psicologa
- caricamento letture

 

istituto-lucatelli-tolentino

L’istituto Lucatelli Tolentino

A Tolentino è attivo il progetto “Lavori in corso – Adottiamo la città”, sviluppato da un partenariato fra Legambiente, Anpas, EuroUsc Italia, Università la Sapienza, Disamis, Istituto comprensivo “Lucatelli” e Comune. «Questo progetto, che sta entrando nel vivo delle attività, è finalizzato a contrastare la povertà educativa dei minori del territorio di Tolentino – si legge nella nota – attraverso numerose attività a sostegno e coinvolgimento di minori, famiglie, comunità educante e stakeholder locali. All’interno del progetto si terranno i laboratori relazionali/sulla genitorialità, a cura di Anpas, a partire dal mese di gennaio 2022. In prossimità della data prescelta, gli iscritti riceveranno una email a conferma della realizzazione dell’incontro». Per partecipare ai laboratori relazionali/sulla genitorialità, basterà compilare la scheda di adesione, mediante modulo Google https://forms.gle/UXtmAVUEpe4WTknr8. Gli incontri, gratuiti e rivolti a tutti, saranno condotti da una psicologa, che aiuterà le persone ad orientarsi nelle relazioni interpersonali (ad esempio nel caso di un genitore preoccupato per i propri figli, un insegnante/animatore che ha bisogno di supporto per gestire al meglio il gruppo di ragazzi, ecc).

ANPAS_Laboratori-relazionali-2022-320x400«Il progetto nasce dall’esigenza di contrastare la povertà educativa delle giovani generazioni – prosegue la nota – e in particolare nei minori di età compresa tra i 9 e i 14 anni che vivono in contesti territoriali particolarmente complessi per carenza di opportunità e spazi educativi e sociali pubblici a loro destinati o per la difficoltà ad accedervi, andando ad aggravare quei fenomeni di isolamento già presenti in determinati contesti. In questi cinque luoghi, verranno costituiti cinque Poli educativi territoriali (Pet) localizzati in cinque istituti comprensivi partner di progetto, che ospiteranno corsi, laboratori e attività di sostegno realizzate in collaborazione con i partner del progetto e destinate ai minori ma anche alle loro famiglie e agli altri attori sociali. Il progetto prevede il coinvolgimento dell’intera comunità educante per rafforzare le reti sociali e contrastare i fenomeni di isolamento e l’obiettivo principale del progetto prevede l’attivazione di processi di rigenerazione ambientale, sociale e culturale che valorizzeranno in particolar modo il protagonismo dei minori che saranno i principali attori nell’individuazione, la cura e l’adozione dei luoghi del quartiere da riqualificare – conclude la nota -. Gli spazi adottati, diverranno, quindi, luoghi permanenti di rigenerazione in cui riconnettere reti sociali inter ed intra generazionali».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 1
Civitanova = 
Elezioni = 1