Torna in chiesa dopo il restauro
la statua di Sant’Antonio Abate

CIVITANOVA - L'opera, che risale alla seconda metà del 1300, è stata restaurata da Maria Laura Passarini a cui erano stati affidati i lavori nell’aprile scorso. La spesa di 15mila euro è stata finanziata dalla fondazione Carima
- caricamento letture

 

Chiesa-San-Paolo-apostolo

La statua di Sant’Antonio abate dopo il restauro

In occasione della festività odierna di Sant’Antonio, nella chiesa di San Paolo apostolo, a Civitanova Alta, si è svolto in mattinata un momento celebrativo per il ritorno, dopo il restauro, della statua lignea di Sant’Antonio abate, a cui hanno partecipato il sindaco Fabrizio Ciarapica, l’assessore ai Lavori pubblici Ermanno Carassai, il vicepresidente della fondazione Carima Francesco Sabatucci Frisciotti Stendardi, il presidente del Centro studi civitanovesi e cariani Alvise Manni, la presidentessa dell’Archeoclub di Civitanova Anna Vecchiarelli, il consigliere regionale dell’Archeoclub Roberto Giannoni e don Alberto Spito che ha benedetto la scultura.

Statua-SantAntonio-Abate

La statua

La statua lignea raffigurante Sant’Antonio Abate, risalente alla seconda metà del 1300, è stata restaurata dalla dottoressa Maria Laura Passarini a cui erano stati affidati i lavori nell’aprile scorso. La spesa di 15mila euro per l’opera di restauro è stata finanziata dalla fondazione Carima. Sulla scultura di due metri e cinque centimetri di altezza, 95 di larghezza e 80 di profondità, di proprietà comunale, come restauro si è proceduto in primis alla rimozione di tutti i depositi incoerenti ed al trattamento contro gli insetti xilofagi, quindi sono stati effettuati interventi per il recupero delle dita spezzate della mano benedicente del santo, per il risanamento e consolidamento delle fenditure nel legno mediante inserimento di innesti lignei, e per la protezione della superficie decorata mediante applicazione di cera. «Seppur in forma ristretta per motivi legati alla pandemia, abbiamo voluto celebrare la festività onorando Sant’Antonio Abate, protettore degli animali domestici, con il ritorno della statua lignea in chiesa dopo i lavori di restauro – ha dichiarato il sindaco Fabrizio Ciarapica -. Per il secondo anno consecutivo siamo costretti a non poter organizzare i tradizionali festeggiamenti in piazza con la consueta benedizione riservata agli amici a quattro zampe, in presenza soprattutto dei bambini a cui auguro di cuore che questo triste periodo legato alla pandemia termini al più presto per consentire loro di vivere ogni occasione di festa con gioia e spensieratezza».

Statua-SantAntonio-Abate-1



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni = 1