All’università con una pistola,
panico tra gli studenti di veterinaria

MATELICA - Un 30enne del posto, seguito dal centro di salute mentale per i suoi problemi psichiatrici, riconosciuto dal gestore del bar della facoltà: è bastato chiedergli cosa stesse facendo e sgridarlo per fargli buttare a terra l'arma giocattolo. E' scappato via spaventato
- caricamento letture

 

carabinieri-archivio-cc-arkiv-116-325x200

Foto d’archivio

 

Semina il panico alla facoltà di Medicina Veterinaria di Matelica entrando con una pistola giocattolo in mano, gli studenti si nascondono sotto i tavoli e, in preda al terrore, non si accorgono che l’arma aveva il tappo rosso e chiamano i carabinieri. Un 30enne del posto, seguito dal centro di salute mentale per i suoi problemi psichiatrici, è stato riconosciuto dal gestore del bar della facoltà: è bastato chiedergli cosa stesse facendo e sgridarlo per fargli buttare a terra l’arma giocattolo. E’ scappato via spaventato. Quando i militari, dopo aver raccolto sul posto le testimonianze dei ragazzi, lo hanno raggiunto per poi domandargli il motivo del gesto il 30enne è scoppiato a piangere. E’ successo ieri pomeriggio intorno alle 16,30 quando il ragazzo, che in città è conosciuto da tutti, è entrato nella facoltà con la pistola in mano. Immediata la reazione degli studenti, che si sono nascosti in preda al terrore sotto i tavoli e hanno chiamato i carabinieri con i telefonini. «Sentivamo forti rumori, quando l’uomo è entrato nel bar della facoltà, a pochi metri da noi. La responsabile della biblioteca è stata minacciata con la pistola mentre quest’uomo urlava delle preghiere, l’Ave Maria», ha raccontato una studentessa in un post su Facebook che poi è stato rimosso. E’ stato il gestore del bar della facoltà a riconoscerlo. Lo ha sgridato e lui, spaventato, ha buttato la pistola ed è fuggito mortificato. I carabinieri, giunti sul posto, hanno subito notato che l’arma aveva il tappo rosso. Rintracciato e raggiunto dai militari che gli hanno chiesto spiegazioni il 30enne, che ha difficoltà di natura psicologica da sempre, è scoppiato a piangere.

(redazione CM)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X