«Preoccupato per la ricostruzione del paese,
i privati si attivino
per presentare le domande»

PIORACO - Il sindaco Cicconi dopo l'appello del commissario Legnini: «Le richieste mancanti sono principalmente quelle riferite alle seconde case o edifici come i garage che non sono finanziabili»
- caricamento letture

 

matteo-cicconi-e1590770009375-325x262

Matteo Cicconi, sindaco di Pioraco

 

Il sindaco di Pioraco Matteo Cicconi, facendo seguito all’appello del commissario straordinario alla ricostruzione Giovanni Legnini, a presentare domanda di contributo o manifestazione di volontà entro il prossimo 15 dicembre per non perdere il diritto ai fondi per la ricostruzione, chiede ai proprietari di tante seconde case che ancora non hanno presentato domanda, di attivarsi. «Alla luce dell’appello presentato nei giorni scorsi dal commissario Legnini, alla presentazione delle pratiche per la ricostruzione entro il 15 dicembre prossimo venturo, analizzato il report delle manifestazioni d’interesse presentate, si deduce che le richieste mancanti sono principalmente quelle riferite alle seconde case o edifici come i garage che non sono finanziabili – rileva il sindaco – si sollecitano tutti i proprietari a presentare tali richieste entro i termini per non perdere il contributo per la ricostruzione». Per la zona del quartiere Madonnetta, che presenta problematiche di instabilità geologica: «Come Comune stiamo facendo il massimo per accelerare la ricostruzione e stiamo lavorando anche nella definizione del complesso problema che riguarda il quartiere Madonnetta, in massima sinergia con l’ufficio speciale della ricostruzione, problema unico nel suo genere in tutta l’area del cratere e che ridisegnerà completamente l’assetto urbanistico di Pioraco. Abbiamo sviluppato come ufficio tecnico una proposta di piano di ricostruzione, già inviato informalmente ai vari tecnici. Nei prossimi giorni verrà inviato formazione al commissario per una sua valutazione trattandosi di una situazione che va oltre l’ordinaria normativa sisma. Leggere però che molti privati non hanno ancora presentato manifestazioni di interesse al contributo al competente ufficio speciale per la ricostruzione della Regione Marche desta molta preoccupazione sulla efficace e fattiva ricostruzione di tutto il paese. Per ogni specifica abbiamo provveduto anche a pubblicare nel sito del Comune e sulla pagina Facebook una nota in cui si specificano i passaggi da fare confidando nella massima solerzia dei privati». A Pioraco sono 398 gli edifici inagibili, sono state presentate 111 domande. Di queste 55 riguardano lavori già conclusi, 28 hanno il decreto di finanziamento rilasciato ed i lavori in corso. Sono 113 le manifestazioni di volontà alla ricostruzione di immobili, già presentate.

 

Legnini sprona i sindaci: «22mila edifici rischiano di perdere il contributo»

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X