Madonna della Cona,
taglio del nastro
per il restyling della chiesa

CASTELSANTANGELO - Inaugurazione domani dei lavori di ristrutturazione sull'edificio danneggiato dal sisma. Alle 11 benedizione dell'arcivescovo Massara. Un intervento di 150mila euro, finanziato grazie a Cai, Cosmari, Mof e donazioni private.
- caricamento letture

cona-finale-6-650x488

La chiesa della Madonna della Cona dopo il restauro

 

Domani alle 11 l’arcivescovo di Camerino-San Severino Francesco Massara e il sindaco di Castelsantangelo Mauro Falcucci, insieme alle altre autorità invitate inaugureranno la ristrutturazione della chiesa della Madonna della Còna, fortemente danneggiata dal sisma del 2016 e posta a 1500 metri di altitudine su un territorio di confine tra Castelluccio di Norcia e Castelsantangelo.

cona-finale-5-300x400L’antica chiesa deve la sua denominazione dall’immagine mariana conservata al suo interno e la tradizione vuole che la sua costruzione sia riferita alla vittoria di Visso nella battaglia contro Norcia nel 1522, detta del “Pian Perduto”. A seguire alle 11.45 nella Sala polivalente della frazione Guardo saluti delle autorità presenti, illustrazione dei lavori e proiezione dei video. La cerimonia è organizzata in collaborazione con la Pro Loco. Il progetto a cura dell’architetto Luca Maria Cristini, dell’ingegnere Romualdo Mattioni e del geologo Fabio Facciaroni che hanno prestato gratuitamente la loro professionalità, ha consentito il restauro con parziale ricostruzione e risanamento conservativo della chiesa. Si è intervenuti in maniera compatibile con l’originaria tecnologia edile nelle porzioni recuperabili mentre per quanto riguarda le parti andate distrutte con il terremoto, è stato deciso di utilizzare tecniche costruttive e materiali rispettosi del pre- esistente, analoghi agli originari. L’unica eccezione nella realizzazione della nuova struttura a botte, anch’essa del tutto crollata, per la quale in luogo al materiale lapideo costitutivo dell’originale struttura, sono stati impiegati elementi laterizi, essendo le parti originarie non più utilizzabili. Rinvenuto e recuperato l’antico selciato dell’edificio e restaurato il portone e la scritta originali.

cona-finale-1-325x244 Quindi tutte le scelte progettuali, in accordo e in continuo dialogo con la Soprintendenza, derivano da rigorosi criteri dettati dalle regole del restauro filologico, compreso il palo sostegno che è stato restaurato e rinforzato che sorregge la campana, opera originale costruita dal cavalier Gentili, nella seconda metà del secolo scorso. Il costo finale ammonta a circa 150mila euro finanziati, oltre che dal Cosmari, con fondi Cai, con fondi raccolti con Macerata Opera Festival e singole donazioni di privati e altri soggetti pubblici. I lavori sono stati affidati, lo scorso novembre 2020, all’Impresa Lapucci Gino srl di Pievetorina. Il progetto di restauro della Madonna della Còna, danneggiata dal sisma del 2016 è una iniziativa promossa dalle sezioni Cai di Macerata, alla quale si sono affiancate le sezioni di San Severino Marche e Camerino, sostenuto dal Cosmari srl, oltre che da enti, aziende e tanti volontari. La raccolta fondi è stata avviata grazie alla sensibilità del Macerata Opera Festival che l’ha promossa quale progetto charity nell’edizione 2018 #verdesperanza. Più enti, aziende e tanti volontari per il recupero di un monumento simbolo dei Monti Sibillini che unisce un territorio a cavallo tra due regioni, Marche e Umbria, da sempre punto di incontro per viandanti, pellegrini e amanti della montagna e punto di riferimento per le Comunità di Castelsantangelo sul Nera e di Castelluccio. Il prossimo 4 luglio 2022, come tradizione si festeggerà la Festa della Madonna della Cona e il 500° anniversario della Battaglia del Pian Perduto.ù

cona-finale-2-650x488

cona-finale-4-650x488

cone-finale-3-650x488



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X