Dissesto idrogeologico,
terminati i lavori
lungo il Potenza

SAN SEVERINO - La sindaca Piermattei: «La prossima settimana inizieranno altri interventi che riguarderanno la sistemazione fluviale ma più a valle rispetto al centro urbano»
- caricamento letture

 

Fiume-Potenza1-650x366

Alcune delle opere realizzate nel Comune di San Severino

 

Terminati, nel Comune di San Severino, i lavori di messa in sicurezza lungo il tratto fluviale del Potenza a difesa di elementi sensibili quali case, strade e altre infrastrutture. Le opere sono state realizzate dal Genio Civile di Macerata a tempo di record grazie ai fondi comunitari Por Fesr 2014 – 2020, asse 8, riguardante la sistemazione idraulica dei Comuni del “cratere”, già duramente segnati dall’emergenza terremoto 2016.

Fiume-Potenza«La prossima settimana inizieranno altri interventi – fa sapere il sindaco, Rosa Piermattei – che riguarderanno la sistemazione fluviale sempre del Potenza ma più a valle rispetto al centro urbano. I primi interventi, già realizzati, hanno interessato invece la zona di Ponte Sant’Antonio. Tutto il territorio del nostro Comune è stato interessato in passato, l’ultima esondazione importante risale a pochi anni fa, da eventi disastrosi che in alcuni casi hanno costituito un serio pericolo per la popolazione e per le attività presenti sulle sponde del fiume». Alle opere di contenimento, che sono state seguite in prima persona dall’ingegner Vincenzo Marzialetti, dirigente del Genio Civile di Macerata, dovrà ora seguire un’attività costante di prevenzione, monitoraggio e controllo perché non sia mai abbassata la guardia su di un fenomeno, quello del rischio idrogeologico, molto preoccupante. Sono diverse le progettualità che consentiranno, a breve termine, di realizzare opere di messa in sicurezza lungo tutto il territorio dell’alto Potenza e, in particolare, lungo un tratto di fiume di ben 44 chilometri che ricade interamente all’interno dell’area dell’Unione Montana Potenza Esino Musone. Economicamente si tratta di un impegno di oltre 2 milioni di euro di fondi comunitari. L’ attività di progettazione, in particolare, anch’essa svolta dal Genio Civile di Macerata ha dovuto seguire una serie di tutele ambientali, paesaggistiche e archeologiche e ha visto la collaborazione di alte professionalità universitarie.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X