La Curva Just: «Canil dia corpo
al suo progetto di calcio Maceratese»

I TIFOSI della Rata si rivolgono al patron del Matelica, al presidente Crocioni e all'amministrazione comunale (per raccordare le forze): «Sedetevi attorno un tavolo e trovate il modo per far tornare il club dove merita»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

CurvaJust

La Curva Just

 

«Invitiamo il signor Canil a dare corpo e sostanza al suo progetto di calcio “Maceratese”, da anni in cantiere, donando nuova linfa a un vecchio e glorioso blasone con quasi cento anni di storia ed unica realtà del territorio a vantare circa 40 anni di professionismo». Così in una nota la Curva Just, cuore del tifo biancorosso, che interviene all’indomani del match giocato dal Matelica all’Helvia Recina contro il Perugia del “cuore pistacoppo” Federico Melchiorri (così recita lo striscione realizzato dai tifosi, leggi l’articolo) ma soprattutto dopo le parole del patron biancorosso Mauro Canil che aveva lamentato di aver ricevuto pochissime dimostrazioni di interesse da Macerata e scarso calore attorno alla squadra da parte del capoluogo (leggi l’articolo).

derby-5aprile-1981-maceratese-civitanovese-325x235

Il derby citato dagli esponenti della Curva Just

«La stragrande maggioranza dei maceratesi non è rimasta indifferente alle sue recenti dichiarazioni. Ricordiamo che Macerata ha tifato, tifa e tiferà sempre e solo Maceratese, altre squadre non ci interessano», sottolineano i tifosi della Curva Just nella nota. «Ci auguriamo che il 2021 sia finalmente l’anno della riscossa dopo un periodo di appannamento – proseguono -. A tal proposito auspichiamo che le migliori energie vengano convogliate in un solido e ambizioso progetto sportivo, capace di far tornare ad emozionare la città di Macerata, il suo comprensorio e tutti i tifosi». E così dopo l’invito “a procedere” rivolto a Canil, i tifosi sottolineano che «un sodalizio ibrido, partirebbe per essere la realtà di tutti ma finirebbe presto per essere quella di nessuno. Altre realtà, alcune con ben più prestigio del nostro territorio (Vicenza o Spal tanto per citarne alcune), hanno vissuto la nostra situazione, risolvendola come ben tutti sappiamo», come a tracciare la linea da percorrere, l’esempio da imitare.

Maceratese-Genoa-2-0-serieC-70-71-325x226

Maceratese-Genoa 2-0 Serie C stagione 70/71

Sull’attuale proprietà della Maceratese, la Curva Just non lascia spazio ad interpretazioni sul suo giudizio: «A Crocioni riconosciamo che ha mostrato impegno in questi anni, ha vinto i derby, ma purtroppo le perplessità da noi espresse nei precedenti comunicati non sono state smentite dai fatti, al contrario. Dato che ad oggi non ci è chiaro quali siano il piano “aziendale” e gli obiettivi sportivi della società, suggeriamo allo stesso Crocioni di alzare la testa e volgere lo sguardo oltre il proprio orticello». La nota si chiude con un invito: «La prossima primavera, con esattezza il 5 aprile, ricorreranno i quaranta anni dello storico e monumentale derby contro “gli altri”; ed inoltre ci avvieremo a passo spedito verso il già citato centenario. Macerata non può e non deve lasciare languire un patrimonio sportivo, sociale ed umano come la Maceratese 1922 nell’oblio del dilettantismo regionale. Un progetto di rinascita biancorossa non può non vedere protagonista l’istituzione comunale, che speriamo svolga funzioni di stimolo, di raccordo e di coagulo delle forze in campo – conclude la Curva Just-. Per questi motivi invitiamo, tutte le parti chiamate in causa in queste nostre quattro righe, a sedersi attorno un tavolo e trovare il modo per far tornare il club dove merita. Ridateci la Rata!».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X