«Criteri concordati con le Regioni
Acquaroli smetta di giocare allo scaricabarile»

ZONA ARANCIONE - La critica di Art.1 Marche alla gestione della pandemia da parte della giunta regionale e del presidente: «Solo due giorni fa preannunciava ordinanze restrittive, ieri diceva che se la situazione è sotto controllo, oggi se la prende col governo»
- caricamento letture
LeU_Macerata_MassimoMontesi_FF-3-e1589702228991-325x239

Massimo Montesi, coordinatore regionale Articolo 1

 

«La campagna elettorale è finita da tempo ma non per Acquaroli e la destra. Quando si governa si fanno scelte e se ne assumono le responsabilità. Non è quel che sta facendo il neo presidente». Così Art.1 Marche commenta la gestione dell’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia Covid della giunta regionale, dopo il passaggio delle Marche tra le aree arancioni.  «Solo due giorni fa preannunciava ordinanze restrittive per combattere il Covid – continua Art.1 – e ieri diceva però che la situazione era sotto controllo. Oggi, dopo che la nostra regione è stata dichiarata arancione, se la prende con il Governo. Naturalmente omette di dire che i criteri e i meccanismi per passare da una situazione all’altra sono stati concordati tra Governo e regioni, e in quella sede non ha contestato nulla. Risponda delle proprie scelte e chiarisca le azioni di politica sanitaria che intende attuare per far fronte alla pandemia e con quali misure sociali ed economiche intende aiutare i marchigiani. Il giochino dello scaricabarile e della propaganda è finito. In questi momenti serve la collaborazione di tutti i livelli di governo, senza furbizie, ne va del bene delle persone».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X