Endoscopia digestiva,
il servizio parte anche a Camerino

SANITA' - L'annuncio dell'Area Vasta 3, da domani gli esami che si facevano solo a Macerata sarà possibile farli anche nel presidio della città ducale
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
primari-macerata-feliciangeli-e1601471632253-325x245

Il dottor Giuseppe Feliciangeli

 

L’ospedale di Camerino si arricchisce di nuovi servizi diagnostici: da domani infatti inizierà il potenziamento del servizio di Endoscopia digestiva. Grazie ad una riorganizzazione del personale medico dell’Area Vasta 3, fortemente voluta dal direttore generale Nadia Storti, i medici della Uoc di Endoscopia digestiva di Macerata, diretta dal dottor Giuseppe Feliciangeli, eseguiranno esami di endoscopia digestiva (colonscopie ed esofagogastroduodenoscopie) anche nell’ospedale di Camerino. «In questa prima fase – sottolinea Feliciangeli – eseguiremo endoscopie digestive nell’ospedale di Camerino tre volte alla settimana, garantendo l’esecuzione di prestazioni di endoscopia digestiva operativa complessa, come polipectomie difficili che fino ad ora venivano eseguite solo a Macerata. La possibilità di poter lavorare a stretto contatto con i medici e gli infermieri della Chirurgia generale, diretta dal dottor Giambattista Catalini, ci permetterà di eseguire queste procedure endoscopiche complesse con la massima sicurezza per l’utenza, in particolare per le colonscopie in corso di screening del tumore del colon-retto». La Direzione Asur inoltre ha comunicato che è ormai giunta al termine la gara europea per dotare gli ospedali dell’Area Vasta 3 dei migliori endoscopi. «Nei prossimi mesi sia il servizio di Endoscopia Digestiva di Camerino che quello di San Severino – aggiunge Feliciangeli  – saranno dotati di colonscopi e gastroscopi di ultima generazione che permetteranno di offrire prestazioni di qualità sempre maggiore. Avere a disposizione colonscopi tecnologicamente avanzati consentirà di individuare polipi intestinali sempre più piccoli, quando sono ancora benigni e quindi più facili da asportare, garantendo così alla persona di non ammalarsi di tumore del colon-retto che, secondo le statistiche, è al secondo posto come frequenza nella nostra popolazione».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X