Tajani a Macerata e Civitanova,
Gabellieri punta sul turismo

DIARIO ELETTORALE - Due incontri con il vice presidente di Forza Italia stasera e domani. La candidata consigliere della Lega rivendica le sue iniziative da assessore a Civitanova. Mangialardi incontra gli agricoltori e sottoscrive le richieste
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Antonio Tajani

Il vice presidente di Forza Italia Antonio Tajani sarà domani, mercoledì 16 settembre alle 18,  nel cortile del ristorante ‘Vere Italie’ di Macerata in vista delle prossime elezioni regionali e comunali di Macerata. Ci saranno anche il commissario regionale e senatore Francesco Battistoni, l’onorevole Simone Baldelli, il candidato sindaco del centrodestra Sandro Parcaroli e il coordinatore provinciale di Forza Italia Riccardo Sacchi. Parteciperanno i candidati della lista di Forza Italia per le comunali di Macerata e i candidati al consiglio regionale della provincia di Macerata. Questa sera invece Antonio Tajani sarà a Civitanova dove alle 21 incontrerà il sindaco Fabrizio Ciarapica.

***

Maika Gabellieri

Maika Gabellieri, candidata della Lega per il Consiglio delle Marche, punta sul lavoro fatto in tema di turismo a Civitanova dove è stata assessore: «Abbiamo compiuto un percorso bellissimo insieme a tanti imprenditori, associazioni, istituzioni, cittadini. Abbiamo creduto, abbiamo discusso, abbiamo forgiato ed abbiamo realizzato.  GustaPorto è un progetto che dal porto di Civitanova si è irradiato a tutto il territorio. Ha sviluppato concreta condivisione con la vicina Umbria, ha riannodato le fila con Ancona e San Benedetto del Tronto. Ha riportato il nostro territorio al centro».

Abbiamo dimostrato, insieme, che intorno al “valore territorio” si può costruire sviluppo e prosperità, in armonia con l’ambiente e con la nostra identità. GustaPorto ha disegnato un modo nuovo di intendere l’accoglienza ed il turismo, che abbraccia l’architettura, il welfare, la coesione sociale, le attività economiche, l’apertura della nostra comunità al mondo. Siamo noi cittadini i primi ospiti del territorio. Siamo tutti noi che dobbiamo contribuire a sviluppare il luogo in cui viviamo e renderlo più ospitale e attrattivo, per noi e per gli altri»!

Gabellieri rivendica il lavoro fatto con gli esercenti: «Lo abbiamo fatto, insieme ai ristoratori ed agli operatori turistici che, con le rispettive associazioni, hanno collaborato all’unanimità per offrire agli ospiti un’esperienza fantastica, accolti come “cittadini temporanei” e non come semplici turisti. Non è solo una questione di turismo, è un modello che implica un cambio di passo per tutta una collettività! E noi lo abbiamo fatto insieme ai protagonisti dell’arte e della cultura locale, ai quali abbiamo dato un palcoscenico nazionale. Lo abbiamo fatto insieme a grandi personaggi che hanno portato il loro contributo, insieme al mondo della pesca, all’imprenditoria locale, ai corpi intermedi ed ai cittadini, che si sono identificati in una visione, bella e positiva, delle nostre Marche.

È così che voglio lavorare, creare attrattività al territorio, sviluppare ambiti di collaborazione con altre comunità, condividere con gli attori protagonisti delle attività economiche, sociali, culturali. È così, lavorando insieme ogni giorno, che una visione plasma la concreta realtà che voglio per le Marche».

***

Maria Letizia Gardoni e Maurizio Mangialardi

La tutela del territorio e delle aree forestali, una migliore gestione della fauna selvatica e lo snellimento delle procedure burocratiche per accedere ai fondi destinati all’agricoltura e per avviare attività secondarie nell’ambito della multifunzionalità. Sono solo alcuni argomenti delle linee programmatiche (più cinque punti da tradurre in realtà entro i primi sei mesi di governo) per i candidati alla presidenza della Regione Marche. Questa mattina, alla sede Coldiretti di Ancona Baraccola, è stato il turno di Maurizio Mangialardi. Il candidato governatore per il centrosinistra è stato accolto dalla presidente di Coldiretti Marche, Maria Letizia Gardoni. «Nel corso di questa campagna elettorale ci siamo resi disponibili alle richieste di incontro dei vari candidati e così abbiamo avuto modo di incontrarne di ogni parte politica – spiega la presidente Gardoni – il documento nasce dal mondo agricolo e dalle istanze dei territori. A tutti abbiamo chiesto di farsi promotori di politiche regionali in grado di offrire prospettive di sviluppo all’agricoltura marchigiana e alle molte imprese che vi operano». In platea presidenti, direttori, capiservizio e funzionari dell’organizzazione regionale. «Mangialardi ha sottoscritto gli impegni presentati dagli agricoltori – si legge in una nota di Coldiretti – . Tra le richieste la possibilità di snellire le procedure burocratiche dei bandi del Psr sull’esempio di Piattaforma 210, trasformando ciò che è stato predisposto per l’emergenza in prassi strutturale, dare piena attuazione alle disposizioni in materia di contenimento della fauna selvatica senza ulteriori rinvii, obiezioni e dubbi interpretativi da parte Atc, Polizie Provinciali, Associazioni Venatorie, eccetera, ammodernare la legge sulla multifunzionalità delle imprese agricole dando loro maggiori possibilità di intervento, prevedere premialità nei bandi pubblici per la gestione di servizi di ristorazione collettiva di scuole, uffici, università e strutture sanitarie».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X