Area di crisi industriale complessa:
«Procedure entro l’anno»

INCONTRO al ministero dello Sviluppo economico per stabilire cosa fare in vista del progetto. Presente anche Antonio Pettinari, presidente della Provincia: «Per rendere credibile un piano di sviluppo e di rinascita di un territorio non si può assolutamente trascurare un serio adeguamento della rete viaria»
- caricamento letture
SindacatoScuola_FF-22-325x217

Antonio Pettinari

Il progetto di area di crisi industriale complessa nel territorio di Macerata e Fermo prende forma. Ieri la prima riunione nella sede del ministero dello Sviluppo economico (Mise), dove si sono riuniti Regione, presidenti di provincia (Antonio Pettinari per Macerata e Moira Nanigola per Fermo), tecnici di Invitalia, Anpal e il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti. Un progetto che nei mesi scorsi aveva fatto discutere animatamente per alcuni Comuni che ne erano rimasti esclusi ma che ora sta procedendo. «La riunione – riferisce Pettinari – ha rappresentato un momento di condivisione delle azioni necessarie da intraprendere. Sono diversi i punti di convergenza ritenuti da tutti i componenti come essenziali. In particolare tutti si sono trovati concordi nel ritenere essenziale la tempistica delle azioni da intraprendere. E’ stato detto che si lavorerà in maniera serrata per far partire le procedure entro la fine del 2019». Pettinari ha anche ricordato quanto il sisma abbia pesato sulla crisi già in atto. «La struttura produttiva del comparto in esame – ha spiegato Pettinari – è costituita in gran parte da piccole imprese artigiane che hanno assoluto bisogno del supporto delle associazioni di categoria per poter usufruire delle misure che verranno poste in essere. Imprescindibile, quindi il coinvolgimento delle associazioni come pure ritengo efficace il supporto scentifico delle università presenti nel maceratese. Per rendere credibile un piano di sviluppo e di rinascita di un terriorio non si può assolutamente trascurare un serio adeguamento della rete viaria». Dalla discussione è emerso inoltre la necessità di innovare i procedimenti nell’applicazione della legge riguardante il rilancio delle aree industriali colpite da crisi in modo da coinvolgere maggiormente le imprese.

Il vice capo di Gabinetto Giorgio Sorial ha sottolineato la volontà di adeguare la normativa in essere alla specificità del tessuto economico del territorio fermano-maceratese fatto di piccole e medie imprese e nello specifico ha esternato l’intenzione di voler abbassare la soglia di investimento e di rendere ammissibili i contratti di rete (aggregazione di imprese). Ha inoltre assicurato la possibilità di procedere ad un ampliamento della tipologia delle spese ammesse nei piani di investimento da parte delle aziende partecipanti. Un aspetto importante è stato poi evidenziato dalla necessità di prevedere una corsia preferenziale per le politiche volte all’assorbimento del personale in esubero. Ulteriori aspetti sono stati presi in considerazione grazie alle sollecitazioni della presidente Canigola, che ha richiamato l’attenzione sull’urgenza di prevedere per il territorio ammortizzatori sociali in deroga, sull’esigenza di adeguare le infrastrutture viarie che vedono alcune strozzature del sistema incidere fortemente sullo sviluppo dell’area. Si è soffermata inoltre sulla necessità di rendere più snello ogni passaggio procedurale tenendo conto del lavoro svolto e portato avanti dal Tavolo di sviluppo che ha prodotto informazioni importanti certamente utili per abbreviare le varie fasi. Tutte queste considerazioni sono state approfondite dal Comitato di coordinamento che si è dato appuntamento a fine giugno.

Quattro Comuni fuori dal distretto, Bisonni: «La Regione li inserisca»

Distretto calzaturiero, ok del ministero al riconoscimento dell’area di crisi complessa



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X