facebook twitter rss

Pala eolica di 230 metri,
i Comuni si oppongono

OPERA - I 15 enti che compongono l'Unione montana dei monti Azzurri vogliono fermare il progetto che prevede l'istallazione del mega impianto a 900 metri d'altezza, sopra Caldarola. Avviato anche l'iter per vincolare tutta l'area in modo da tutelare il paesaggio Leopardiano
sabato 24 Novembre 2018 - Ore 15:48 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Un no secco e unanime al progetto di istallare una pala eolica di 230 metri nelle montagne sopra Caldarola. Arriva dai 16 Comuni dell’Unione montana dei Monti azzurri la richiesta di stop e ora, delibera alla mano, l’ente e i singoli Comuni si rivolgeranno alla Regione e chiederanno alla Soprintendenza di vincolare tutta la zona, sopra i 320 metri di altitudine, a livello paesaggistico. Nel nome del poeta Leopardi che, proprio guardando quei monti (a lui si deve l’aggettivo “azzurri”) trasse ispirazione per la sua opera.

L’assemblea dei sindaci quindi «esprime l’assoluta contrarietà e la disapprovazione a livello paesaggistico, turistico e culturale per l’iniziativa rappresentata e per qualsiasi altra similare voglia da altri porsi in essere a livello di istallazione di pale eoliche di dimensioni di oltre 230 metri come quella in questione e invita tutti i Comuni del territorio dell’Unione montana dei monti Azzurri a prendere atto e condividere questa ostilità, facendo proprio con atto consiliare questo ordine del giorno, da inviare poi alla Regione e, contestualmente, esprimere parere favorevole affinché l’Unione Montana dei Monti Azzurri si faccia carico di procedere sollecitamente con gli atti necessari e conseguenti alla richiesta alla la Soprintendenza paesaggistica delle Marche per l’apposizione di un vincolo di tutela del paesaggio Leopardiano in tutto il territorio dei 15 Comuni con più di 320 metri di altitudine». La richiesta di vincolo nasce dal fatto che, oltre alla mega pala eolica in questione, ci sono altri due progetti di pale eoliche più basse a cui, senza il vincolo richiesto, sarà difficile opporsi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X