Massimo D’Alema a Macerata:
«Per Traini una pena esemplare»

OVERTIME - L'ex presidente del Consiglio ha partecipato all'iniziativa per raccontare la sua esperienza da tifoso romanista ma è intervenuto anche su temi politici come l'immigrazione. Non è mancato l'attacco all'attuale governo e lo sprono al Pd: «Servono un volto e un progetto nuovo»
- caricamento letture
overtime-dalema-repice-3-650x433

Francesco Repice, Massimo D’Alema e Valerio Calzolaio a Overtime

 

di Alessandra Pierini
(Foto Fabio Falcioni)

«Traini ha avuto una pena esemplare e anche la magistratura ha sancito l’odio razziale come reato. A Macerata è stato consumato un orrendo crimine ma il discorso immigrazione va affrontato in un altro modo». Così Massimo D’Alema questa sera a Macerata dal palco di Overtime dove era salito come tifoso romanista per poi ritornare nel finale, per rispondere alle domande del pubblico, ad essere soprattutto l’ex presidente del Consiglio e a dire la sua sull’immigrazione.

overtime-dalema-repice-8-325x325

Massimo D’Alema sfoglia il libro

«Siamo di fronte ad una percezione completamente sbagliata da parte degli italiani che pensano che gli stranieri siano il 40% della popolazione quando non arrivano neanche all’8%. Non viviamo nessuna emergenza immigrazione, anzi se nei prossimi anni non arriveranno immigrati si romperà un equilibrio, non ci sarà sviluppo. L’arrivo e l’impatto che avrà però vanno spiegati». Poi l’attacco al governo Salvini – Di Maio: «Se hai una politica che strumentalizza i disagi per alimentare la paura degli italiani, è difficile far capire come stanno le cose». Poi sul Partito Democratico: «Questo governo è profondamente contraddittorio, non è detto che la sinistra saprà approfittarne. Ci vogliono un volto nuovo e un progetto nuovo. Gli italiani non andranno al Nazareno a chiedere scusa, semmai dovrà accadere il contrario. Non è il risultato elettorale che mi ha sconvolto, era scontato, ma l’incapacità del Pd di reagire. Più che un allenatore duro ci vorrà onestà intellettuale» ha concluso, usando la metafora calcistica.

overtime-dalema-repice-10-325x217L’ex presidente del Consiglio è stato incalzato a lungo da Valerio Calzolaio sulla Roma, dal miracolo di Barcellona, agli scudetti vinti. Al suo fianco Francesco Repice, giornalista e radiocronista Rai, autore dell’instant book “Roma. La sera dei miracoli. Roma-Barcellona una notte magica”. Quella notte D’Alema, presidente onorario del Roma Club Montecitorio, scelto come successore da Giulio Andreotti,  era allo stadio e ha vissuto  la grande emozione fino a commuoversi: «Il tifoso della Roma non è abituato a vincere, soprattutto le partite importanti. E’ una storia di sofferenza». E il parallelo di Calzolaio: «Un po’ come quella del Pd».

 

overtime-dalema-repice-9-650x433

overtime-dalema-repice-5-650x433

overtime-dalema-repice-2-650x433

overtime-dalema-repice-15-650x433

overtime-dalema-repice-11-650x488

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X