Passa la tassa di soggiorno
Bluff FdI: “siamo contrari”
ma poi si astiene

CIVITANOVA - Porta la firma di Fratelli d'Italia l'introduzione dell'imposta turistica. Sarà applicata dal 1 ottobre. Ieri sera con 10 sì, 8 no e 3 astenuti il regolamento è stato approvato. Critica l'opposizione, Rossi: «manovra per salvare la poltrona di Borroni dal rimpasto per le quote rosa»
- caricamento letture
consiglio-comunale-marzo-2018-votazione-tassa-soggiorno-civitanova-FDM-12-650x433

Il tabellone dei voti

consiglio-comunale-marzo-2018-ruffini-civitanova-FDM-3-325x217

La consigliera Cristina Ruffini Fratelli d’Italia

 

di Laura Boccanera

(foto Federico De Marco)

Tassa di soggiorno, si parte dal 1 ottobre. Il consiglio comunale ieri sera ha approvato il regolamento che dà l’autorizzazione per l’introduzione della nuova imposta. Con 10 sì, 9 contrari (della maggioranza ha votato contro il solo consigliere Marzetti) e 3 astenuti (Cavallo di Noi con Ciarapica e Ruffini e Calderoni di Fratelli d’Italia) il consiglio ha approvato dopo 3 ore di discussione. Balletto di Fratelli d’Italia che aveva dato una speranza agli albergatori presenti: nel suo intervento infatti la consigliere Ruffini ha espresso critiche al provvedimento a parole, salvo poi votare con un’astensione che non ha permesso il rigetto dell’istanza: «Non siamo contrari a questa tassa – ha detto la Ruffini in consiglio – e all’aumento della tassazione in genere, il turista che arriva in città è già generatore di ricchezza, non va tassato. Inoltre era necessario un maggiore coinvolgimento degli operatori nella decisione». Contrari a parole, appunto, ma al momento del voto con l’astensione, la maggioranza si mantiene tale e il punto passa. Contestazioni da parte degli operatori stupiti dall’astensione dopo le ferme parole di condanna della tassa. Ma il consiglio si è aperto con le parole del sindaco che ha illustrato le motivazioni per le quali sarebbe stato necessario approvare la tassa di soggiorno: «è un’imposta che non ricade sui civitanovesi, è un provvedimento di equità sociale, non è giusto che i cittadini paghino per servizi di cui usufruiscono i turisti, che ci si lamenti lo capisco, ma è un contributo che non finirà nel calderone del bilancio comunale, ma sarà finalizzato al turismo, eventi, sportelli informativi, aperture ulteriori delle istituzioni culturali. Nel regolamento si precisa che c’è un comitato tecnico che deciderà come destinare i fondi». Il sindaco spiega poi che si è pensato di istituire come imposta la cifra di un euro per tutte le strutture (alberghiere ed extralberghiere) e di 1.50 euro per gli hotel 5 stelle.

consiglio-comunale-marzo-2018-silenzi-civitanova-FDM-5-267x400

Giulio Silenzi mostra il volantino di Vince Civitanova

Esenzioni sono previste per minori di 14 anni, over 75, forze armate, disabili, protezione civile ed altri. Compattamente contraria la minoranza: apre il dibattito Giulio Silenzi del Pd che sventola in aula uno dei volantini elettorali di Vince Civitanova che proponeva la diminuzione delle tasse: «si diceva noi diminuiremo le tasse, noi sappiamo come fare, invece non solo non si è diminuito nulla, ma si chiede di introdurre una nuova tassa che mina quell’accoglienza che ha sempre caratterizzato Civitanova. E’ un’entrata voluta solo perchè l’assessore forte della giunta lo richiede, sarebbe stato più serio trovare nel bilancio la cifra richiesta, e poi perchè sono stati tolti 70mila euro per il turismo rispetto allo scorso anno. Solo tante promesse, i fatti sono all’opposto». Critico e dettagliato Mei del Movimento 5 stelle che è anche titolare dell’hotel Velus: «è un’imposta che ricadrà sugli operatori che per rimanere sul mercato se ne faranno carico. Civitanova non vive di turismo, le presenze sono per lo più commerciali e chi dorme fuori 200 notti all’anno alla fine la tassa di soggiorno la guarda eccome. Abbiamo 150mila presenze, Porto Potenza ne fa 190mila, di cosa parliamo quindi? Le precedenti amministrazioni hanno comunque fatto eventi e animato l’estate senza balzelli. Assurdo che su un bilancio di 38milioni non si trovino 100mila euro per il turismo se si vuole».

consiglio-comunale-marzo-2018-albergatori-civitanova-FDM-7-325x217

Gli operatori turistici presenti in sala

Fa riascoltare la voce del sindaco ad un comizio nel quale propone l’abbassamento delle tasse anche Tommaso Corvatta che contesta la fumosità del progetto: «la tassa è certa, il progetto no». Contestano invece l’iter procedurale per il quale il punto è stato aggiunto all’ultimo minuto in consiglio comunale i consiglieri Ghio e Rossi: «ad oggi visto che la tassa partirà da ottobre non ci sono le ragioni di urgenza per discutere il punto – dice Ghio, mentre Rossi aggiunge – vorrei sapere dove è la voce nel Dup che prevede la tassa di soggiorno visto che non si trova». Seguono gli interventi a favore della  tassa di Pizzicara, Rossi e Garbuglia. Spaccata Liberamente con Sergio Marzetti che rivendica la coerenza per la quale non era a favore della tassa da amministratore e non ne è a favore neanche ora data la contrarietà degli addetti ai lavori. Le dichiarazioni della Ruffini e di Caldaroni di Fratelli d’Italia riaccendono la speranza degli albergatori e incassano anche complimenti di coraggio dai banchi dell’opposizione, ma è poco più di un bluff visto che alla prova del voto poi  il punto passa grazie alla loro astensione. Animi accesi durante le dichiarazioni di voto col sindaco che riprende la parola non consentendo poi la replica. Alla fine il punto passa e entrerà nel bilancio con una variazione. Prime contestazioni nella minoranza: «un ripensamento al fotofinish dei consiglieri comunali di Fratelli d’Italia salva il posto al loro assessore Borroni» – dichiara Rossi, mentre Mirella Franco chiede a Fratelli d’Italia di assumersi la responsabilità del nuovo balzello: «contrari un piffero, cari Ruffini e Calderoni la tassa di soggiorno a Civitanova deve dire grazie a voi due, assumetevene la responsabilità, se eravate contrari dovevate votare no».

consiglio-comunale-marzo-2018-ciarapica-gabellieri-civitanova-FDM-13-650x433

consiglio-comunale-marzo-2018-yuri-rosati-civitanova-FDM-11-650x434

consiglio-comunale-marzo-2018-ciarpaica-marzetti-civitanova-FDM-10-650x433

consiglio-comunale-marzo-2018-ghio-civitanova-FDM-14-650x433

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X