facebook twitter rss

Oseghale cambia difensore

ORRORE A MACERATA - L'avvocato Simone Matraxia assisterà il nigeriano accusato dell'omicidio di Pamela. «Domani mi recherò in carcere per un primo colloquio con il mio assistito»
mercoledì 14 febbraio 2018 - Ore 21:43 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

L’avvocato Simone Matraxia

 

Omicidio di Pamela Mastropietro, Innocent Oseghale cambia difensore: nominato l’avvocato Simone Matraxia. Domani incontro in carcere. Oseghale, 29 anni, è stato il primo dei tre fermati per il delitto di Pamela Mastropietro, la ragazza di 18 anni che si era allontanata il 29 gennaio dalla comunità Pars di Corridonia dove era ospite e uccisa il 30 gennaio, per la procura da tre nigeriani, tra cui Oseghale. Il corpo della ragazza è stato poi fatto a pezzi e sistemato all’interno di due trolley in seguito abbandonati nelle campagne di Casette Verdini di Pollenza. A Oseghale la procura contesta l’omicidio volontario, l’occultamento e il vilipendio di cadavere. Reati commessi in concorso con Desmond Lucky, 22 anni, e Lucky Awelima, 27.

Innocent Oseghale

In un primo momento Oseghale è stato assistito dal legale Monia Fabiani, da oggi però le è subentrato l’avvocato Matraxia. «Sono da poco venuto a conoscenza della nomina a difensore, domani mi recherò in carcere per avere un primo colloquio con il mio assistito – dice l’avvocato Matraxia –. Poi prenderò cognizione degli atti a sostegno della misura cautelare, atti che al momento non conosco essendo la nomina di poche ore fa». Oggi intanto il gip Giovanni Manzoni ha convalidato i fermi degli altri due indagati e per entrambi ha disposto la misura cautelare in carcere. Uno di loro (Desmond Lucky) ha deciso di rispondere alle domande del giudice limitandosi ad affermare la sua innocenza e sostenendo di non avere mai conosciuto Pamela. Intanto proseguono le indagini dei carabinieri, questa mattina è stato prelevato un campione di dna della 18enne. Per la prossima settimana sono attesi i risultati dei Ris sui tanti campioni che sono stati prelevati sia dalla casa di via Spalato 124 dove la giovane è stata uccisa, sia nel corso dell’autopsia.

(Gian. Gin.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X