Grasso a Visso e Camerino:
“Priorità alle attività produttive,
bene la ripartenza di Unicam”

SISMA - Il presidente del Senato è atterrato alle 14 con l'elicottero. "Colpito dalla tenacia degli anziani che sono rimasti qui", poi ha visitato le zone rosse e ha ricevuto la maglietta dell'ateneo della città ducale #ilfuturononcrolla. Pasqui: "Torneremo a splendere"
- caricamento letture

 

 

visita-pietro-grasso-a-visso-7

Il sindaco di Visso, Giuliano Pazzaglini, con il presidente del senato Aldo Grasso

 

 

vissograssoceriscioli_02

Aldo Grasso, presidente del Senato, nella sua visita a Visso

 

di Monia Orazi

È atterrato a Visso con l’elicottero alle 14,05 il presidente del senato Pietro Grasso per una visita nelle zone colpite dal terremoto. Ad accoglierlo il sindaco di Visso Giuliano Pazzaglini, il presidente della Regione Luca Ceriscioli, il presidente del parco dei Sibillini Oliviero Olivieri, il questore Giancarlo Pallini, il comandante della Compagnia dei carabinieri di Camerino, il capitano Vincenzo Orlando, il comandante dei vigili del fuoco della provincia di Macerata, Achille Cipriani. Prima tappa il campo di accoglienza della Croce Rossa. «È stato messo in atto il controllo procedure per garantire la legalità, sotto questo profilo non c’è preoccupazione – ha detto Grasso –. Il problema è riuscire a far partire soprattutto le attività produttive, che sono la ricchezza di queste zone. Visso è famosa per i suoi percorsi ambientali e per l’enogastronomia, in questo è importante per le attività ripartire al più presto. C’è la volontà, ho visto gente che ha tanta voglia di riprendere e non lasciare il territorio».

vissograssoceriscioli_06

L’incontro a Visso

Il presidente ha accennato al futuro prossimo: «La burocrazia deve essere alleggerita, la macchina burocratica deve essere rapida, efficace e trasparente. Sicuramente giovedì 24 novembre sarà approvato al Senato il decreto legge di conversione dei due decreti sul sisma, sia il primo che il secondo: proprio oggi sono stati interrotti i lavori in aula per consentire alla commissione di istruire il decreto affinché arrivi in aula al più presto. Si deve andare avanti secondo questi principi. Vedo questa grande volontà di andare avanti e non abbandonare il territorio, anche da parte di anziani che sono rimasti. Tutti lavorano per questo, questa è la cosa più bella che ho visto oggi qui». «Il dispiacere è quello di essere stati colpiti così duramente dopo che avevamo provato a ripartire, dopo le prime scosse del 24 agosto» ha detto Pazzaglini a Grasso, prima di entrare in zona rossa. In quel momento, alcune persone in fila davanti al furgone dei vigili del fuoco hanno urlato: «Viva i vigili del fuoco, meno protezione civile», aggiungendo «Ricordatevi quello che vedete». Il presidente del Senato ha visto con i propri occhi la devastazione di Visso, guidato passo passo da Pazzaglini che ha illustrato i danni nel dettaglio.

grasso-a-camerino-2

Il presidente del senato ha ricevuto la maglia dell’università di Camerino con lo slogan #ilfuturononcrolla

 

grasso-a-camerino-3

Il presidente del senato a Camerino

Appena finita la visita alla zona rossa, Grasso ha avuto parole di elogio, insieme a Ceriscioli, per la determinazione e la tenacia del sindaco di Visso ed è ripartito con l’elicottero alle 15,05 dal campo sportivo, dove era atterrato, alla volta di Camerino. Nella città ducale, il presidente Grasso ha visitato la zona rossa, nel centro storico, per poi fare tappa alle Mosse, nel quartiere generale dell’emergenza, alla sede Contram. «È una bella notizia che l’università, seppur ferita, sia ripartita continuando a far laureare i giovani», ha detto Grasso, ricevendo dalle mani del pro rettore Unicam, Claudio Pettinari, la maglia con lo slogan #ilfuturononcrolla. «Vedo che l’accoppiata Errani-Curcio funziona, ha scherzato il presidente del Senato, ho fiducia che presto possiate riprendere le attività, Camerino è nota per l’università, c’è già un programma per riprendere le scuole, la vita riprende con i giovani. Ad Amatrice e Norcia ho visto i ragazzi con la gioia negli occhi, riprendere gli studi».

grasso-a-camerino-1

L’incontro che si è tenuto a Camerino

All’incontro nel centro operativo comunale hanno preso parte anche il prefetto Roberta Preziotti, l’assessore regionale Angelo Sciapichetti, il presidente del consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo, altri rappresentanti istituzionali locali. «Oggi parlo a nome di un intero territorio – ha detto il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui – i campanili feriti, ormai non si vedono più. Ho cercato di unire e far sì che il campanilismo sia un tema di sviluppo. Abbiamo la volontà di ripartire, sia con l’università che con i 1.860 alunni delle scuole di ogni ordine e grado, che riapriremo lunedì, al massimo qualche giorno dopo. Ci sono tantissimi edifici inagibili, vogliamo tornare a splendere, ringrazio tutte le istituzioni ed i volontari per la vicinanza alla nostra gente, si deve continuare così. Io sono a disposizione per riportare l’arcobaleno e la cometa che hanno sempre brillato su questa terra. Avanzo la richiesta di rivedere Camerino con tutto quello che aveva ed è crollato, anche con una nuova struttura carceraria, sento che il Governo accoglierà questo mio desiderata, che è anche della mia gente, segno della volontà di ripartire».

(Servizio aggiornato alle 18,20)

 

visita-pietro-grasso-a-visso-4

visita-pietro-grasso-a-visso-2

 

visita-pietro-grasso-a-visso-5

 

visita-pietro-grasso-a-visso-3

visita-pietro-grasso-a-visso-6

 

grasso-a-camerino-4

vissograssoceriscioli_03

vissograssoceriscioli_07

 

vissograssoceriscioli_04

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X