Fidanzatini del furto:
lui arrestato, lei denunciata

MACERATA - Erano stati sorpresi questa mattina dal proprietario di una casa in via Urbino, portati in questura sono stati identificati: lui ha 17 anni, lei 16. Una coppia perfetta, insospettabile: abiti firmati e accessori alla moda
- caricamento letture
A sinistra Sandro Tommasi, dirigente Ufficio prevenzione crimine di Macerata

Controlli della polizia

 

di Gianluca Ginella

Diciassette anni lui, sedici lei. Una coppia perfetta: abiti firmati, accessori alla moda, profumi costosi. Fidanzatini insospettabili, o quasi. Perché, nonostante l’età, lui, nomade d’origine croata, ha alle spalle tre arresti e una decina di furti che gli sono stati attribuiti a iniziare dal 2011. Anche la ragazzina, italiana, pure lei nomade, è già stata arrestata due volte per dei furti. Vivono in un campo rom, ma dove sia non l’hanno detto ai poliziotti che questa mattina li hanno fermati dopo un tentativo di fuga in auto (leggi l’articolo). Poco prima erano stati scoperti dal proprietario di un appartamento che si trova al terzo piano di una palazzina di via Urbino. I due ragazzi, probabilmente pensando che all’interno non ci fosse nessuno, intorno alle 12 sono entrati e dopo uno sguardo in giro si sono diretti in camera. Nella stanza, seduto sul letto, destato dal sonno dal rumore dei passi dei due ragazzi, c’era il proprietario. Quando l’hanno visto i due ragazzi sono scappati, senza riuscire a rubare nulla. Il proprietario ha subito chiamato la polizia. Poi ha visto i ragazzi salire su di una Fiat Multipla e allontanarsi a gran velocità. L’uomo ha descritto i ragazzi e l’auto.

Sandro Tommasi, dirigente delle volanti e dell'Ufficio prevenzione crimine della questura

Il commissario capo Sandro Tommasi, dirigente delle volanti e dell’Ufficio prevenzione crimine della questura

I poliziotti della volante sono arrivati nel giro di un paio di minuti, una rapidità di intervento consentita dall’aumento di uomini e mezzi messi in campo dalla questura ormai da diverse settimane. Gli agenti ci hanno messo poco a intercettare la Fiat Multipla. Il 17enne ha cercato di fuggire con una serie di manovre azzardate. Ma i poliziotti sono stati abili nel bloccare l’auto, in via Rosetani, dopo un breve inseguimento. I due ragazzi sono stati portati in questura per accertamenti. Senza documenti, sono stati identificati grazie alle impronte digitali. Poi con il commissario capo Sandro Tommasi, dirigente delle volanti, hanno ammesso di vivere compiendo furti. Cosa che consente loro anche di poter indossare capi firmati. Al termine degli accertamenti la 16enne, che è incinta, è stata denunciata. Il 17enne è stato invece arrestato, dati anche i precedenti episodi di furto che gli erano contestati, e si trova al Centro di prima accoglienza di Ancona. Sulla Fiat Multipla sono stati trovai arnesi da scasso. La vettura, priva di assicurazione e di revisione, è stata sequestrata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X