Spese di Natale, Silenzi replica:
“Il centrodestra dà i numeri al lotto”

CIVITANOVA - L'assessore al turismo risponde alle accuse sui conti fatti dall'opposizione ad iniziare dalla pista di pattinaggio sul ghiaccio. «L'incasso è stato di ben 28mila euro, un vero successo - dice - loro con 51mila euro sono riusciti ad organizzare in una serata due ore di boxe». Difende le cifre anche la Croce Verde con Maria Luce Centioni: «Ci riteniamo soddisfatti»
- caricamento letture

silenzi giulio

di Laura Boccanera

«Quelli del centrodestra sono numeri buoni per il lotto, gufatori professionisti che ancora una volta dimostrano superficialità e danno informazioni sballate». L’assessore al turismo Giulio Silenzi replica alle parole dell’opposizione di centrodestra che aveva parlato di 96mila euro per le iniziative natalizie e di un utile in beneficenza pari a zero per la Croce Verde (leggi l’articolo). «Tutti hanno riconosciuto – spiega Silenzi – che nel periodo natalizio c’è stato un boom di presenze in centro, lo dimostrano anche le tante foto scattate nelle giornate di festa. A riconoscere che abbiamo organizzato un Natale straordinario è stato anche il presidente dell’associazione commercianti del centro Antonio Malaccari che ha avuto parole di apprezzamento per l’ottima riuscita degli eventi. Ci dicevano che con l’apertura del Cuore Adriatico il centro si sarebbe svuotato, e abbiamo dimostrato il contrario nei weekend delle manifestazioni. Questi sono i fatti e il centrodestra non può stravolgerli prendendo a pretesto costi non veritieri». Poi punto per punto l’assessore inizia a specificare le singole voci di costo, partendo proprio dalla pista di pattinaggio gestita dalla Croce Verde: «E’ costata a conti fatti al Comune 2 mila euro, poiché la spesa dell’impianto è stata coperta da un ricavato di 18 mila euro con la vendita di oltre 3.000 biglietti e al netto di quanto trattenuto per le spese dalla Croce Verde. Infatti l’incasso è stato di ben 28mila euro, un vero successo. Per quanto riguarda la corrente elettrica verrà pagata tenendo presente il consumo reale come sempre avvenuto in tutti gli anni. L’Iva la recupereremo, ma intanto la gestione affidata ai militi, iniziativa che rivendichiamo con orgoglio, ha permesso a diverse persone del posto di impegnarsi vedendo riconosciuto il proprio impegno ed evitando gestioni fuori città come invece avveniva in passato.  La Croce Verde avrà inoltre 2.000 euro presi dall’indennità del sindaco e del vice per il 2014 per l’attività svolta, così come ci eravamo impegnati».  Su questo a favore dell’iniziativa si leva anche la voce di Maria Luce Centioni della Croce Verde: «In realtà oltre alla promessa fatta dal sindaco di devolvere una somma a favore dell’associazione qualora l’incasso non fosse stato sufficiente, dobbiamo dire che nei costi sono presenti circa 3.500 euro che abbiamo trattenuto dalle spese come indennità per coloro che hanno lavorato nell’organizzazione, persone della Croce Verde che necessitavano di questo aiuto. Per noi la pista è stata una scommessa, facciamo un altro lavoro, era il primo anno, ma ci riteniamo soddisfatti, va dato atto a Silenzi che sta lavorando molto a favore dell’associazione». L’assessore torna poi a quantificare le voci di spesa del Natale sottolineando che l’evento dal nome “Canti e balli sotto l’albero” in realtà sono 6 appuntamenti: «Tre sabati e tre domeniche sempre con il pieno di presenze, che hanno coinvolto due Istituti comprensivi, quattro scuole di danza, e che in media sono costati 750 euro a spettacolo. Sulla Befana, e fine anno, hanno fatto i conti senza considerare gli sponsor, Cuore Adriatico e Gironacci, che coprono le spese per 5mila euro. Per la Befana abbiamo speso di meno dell’anno prima anche se in piazza c’erano 3.000 persone. Il Capodanno ci è costato 15mila euro, organizzato per tante famiglie che non possono andare a fare cenoni o viaggi esotici o settimane bianche, momenti di divertimento sano e di coinvolgimento della città. Per le luminarie il costo di 19mila euro è relativo all’allestimento, al montaggio, ma parliamo di  tutto il Comune, cioè i giardini, la piazza, la facciata di Palazzo Sforza e di Civitanova Alta. Non mi aspetto dall’opposizione un plauso per il successo degli eventi, anche perché loro con 51mila euro sono riusciti ad organizzare in una serata due ore di boxe».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X