Legge di stabilità, Spacca: “Anche Regioni tirino la cinghia”

Il governatore delle Marche commenta positivamente la manovra del Governo
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Gian Mario Spacca

Gian Mario Spacca

I tagli agli enti locali sono significativi, ma se i cittadini sono costretti dalla crisi a tirare la cinghia, anche le Regioni e gli enti locali debbono fare altrettanto, dando il buon esempio, senza penalizzare i servizi alla comunità ma recuperando efficienza e produttività”. Questo è il commento del governatore delle Marche, Gian Mario Spacca, alla legge di stabilità varata dal Cdm.  “E’ una manovra che può anche essere letta positivamente – ha aggiunto il presidente – perchè il focus è sulla produzione del reddito, che necessita per sostenere lavoro, welfare e servizi”.  Secondo Spacca, “è opportuno recuperare la centralità dell’impresa attraverso la riduzione fiscale, e in particolare dell’Irap, per sostenere una crescita stabile e durature opportunità di lavoro e occupazione”.   Il governatore ha anche fatto notare che “le misure di riduzione fiscale, legate a nuova occupazione, sono state già sperimentate con successo da oltre un biennio dalla Regione Marche”. Sui tagli agli enti locali, Spacca ha anche auspicato “confronto e collaborazione istituzionale”, perche’ “sono indispensabili per evitare eccessi e condividere questa strategia di responsabilità”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X