Indagini all’Abbazia di San Claudio,
irrisolto l’enigma di Aquisgrana

CORRIDONIA - Il responsabile Iriae Marche Domenico Antognozzi rende noti i risultati dei carotaggi effettuati la scorsa settimana: "Identificata un'area ipogea, la cui funzione nel passato è ancora ignota, oggi riempita da terra incoerente ed un ossario all'interno della chiesa"
- caricamento letture
L'abbazia di San Claudio  durante le operazioni di carotaggio

L’abbazia di San Claudio durante le operazioni di carotaggio

Sotto l’Abbazia di San Claudio ci sono una cavità e un ossario. A renderlo noto Domenico Antognozzi, responsabile dell’Ufficio IRIAE (International Research Institute for Archaeology and Ethnology) Marche. Antognozzi, coautore con don Giovanni Carnevale del libro “La vita di Carlo Magno imperatore nella Francia Picena” e membro del Centro studi San Claudio, è stato in prima linea nelle operazioni di carotaggio effettuate all’interno dell’Abbazia  (leggi l’articolo). In un comunicato stampa ripercorre le operazioni effettuate e i risultati ottenuti.

«Dal 17 al 19 settembre si sono svolte le indagini con telecamera/sonda nella Chiesa di San Claudio al Chienti al fine di verificare i target individuati dalle operazioni con GeoRadar effettuate nel 2011 dal Centro Studi San Claudio al Chienti. Le indagini sono state realizzate grazie alla nascente collaborazione tra il Centro Studi e l’International Research Institute for Archaeology and Ethnology (Iriae) che si è offerta di realizzare tali controlli attraverso l’utilizzo della telecamera/sonda messa a disposizione da uno dei suoi principali collaboratori, “La Macchina Del Tempo”. I risultati delle indagini hanno identificato un’area ipogea, la cui funzione nel passato è ancora ignota, oggi riempita da terra incoerente ed un ossario all’interno della chiesa stessa.

a destra Domenico Antognozzi durante la conferenza stampa con i responsabili dell'Iriae

a destra Domenico Antognozzi durante la conferenza stampa con i responsabili dell’Iriae

Le indagini per cui si è ottenuta l’autorizzazione della Soprintendenza non sono sufficienti a comprendere la funzione o la datazione di tali target ma di certo lanciano lo spunto per ulteriori approfondimenti futuri».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X