Sicurezza, l’infinita querelle
Preoccupa l’escalation dei furti

CIVITANOVA - La Recchi (Fi) parla "d'una sensazione di emergenza diffusa" da valutare insieme ai numeri forniti dalla Prefettura. L'assessore Cecchetti smorza i toni: "Cavalcare le insicurezze non porta guadagni"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Fernanda Recchi (FI) - promotrice della petizione

Fernanda Recchi (FI), promotrice della petizione

 

“I freddi numeri non rispecchiano la realtà dei fatti”. Fernanda Recchi promotore della petizione per il ripristino dell’ordinanza antiaccattonaggio commenta così i dati diffusi dalla Prefettura al Comune sui reati relativi agli anni 2011, 2012, 2013 e 2014 (leggi l’articolo).

I reati infatti sono stazionari rispetto agli anni precedenti e seppur con alcune variazioni per tipologia anzi c’è stata una diminuzione rispetto al 2011 e 2012, anno nero soprattutto per le rapine violente in villa. Ma secondo la Recchi i dati non rispecchierebbero la realtà dal momento che molti furti non verrebbero neanche denunciati: “I furti delle bici ad esempio – dice – e anche se i numeri parlano di reati stazionari, la sensazione è che ci sia un’emergenza vera e propria”.

 

L'assessore Cristiana Cecchetti

L’assessore Cristiana Cecchetti

Di tutt’altro tenore invece la valutazione dell’assessore Cristiana Cecchetti secondo cui lo spauracchio dell’emergenza è una manovra di “bassa politica”. “La situazione è tristemente nella norma – commenta – cavalcare insicurezze e sfruttare la paura della gente non porta guadagno a nessuno, nemmeno al centrodestra, è una manovra di bassa politica. L’accattonaggio molesto poi è un problema, ma non si risolve con una delibera”.

Nel 2014 i furti sono stati 1028 di cui 10 con strappo, 50 con destrezza, 95 in abitazione, 82 a danno di esercizi commerciali, 167 su auto in sosta, 12 di ciclomotori, 12 di motocicli e 20 di autovetture.

Nel 2013 il totale dei furti è stato di 1395 di cui 14 con strappo, 50 con destrezza, 131 in abitazione, 105 in esercizi commerciali, 239 su auto in sosta, un’opera d’arte, 4 di automezzi pesanti, 47 di ciclomotori, 19 di motocicli e 36 di autovetture. Nel 2012 furono 1647 di cui 60 con destrezza, 16 con strappo, 156 in abitazione, 121 in esercizi commerciali, 290 su auto in sosta, 45 ciclomotori, 23 motocicli, 39 vetture. Nel 2011 1744 di cui 12 con strappo, 64 con destrezza, 135 in abitazione, 144 in esercizi commerciali, 277 su auto in sosta, 2 automezzi pesanti, 56 ciclomotori, 21 motocicli e 51 autovetture.

(l. b.)

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X