Alienazione degli immobili,
piovono critiche:
“Il Comune li sta svendendo”

CIVITANOVA - Nel mirino del M5S il ribasso a cui è stata sottoposta l'ex scuola di Santa Maria Apparente. Iacopini: "Non era stato fatto nessun bando, perché non si è provato a venderla al prezzo indicato?"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
pierpaolo iacopini

Pierpaolo Iacopini del M5s

di Laura Boccanera

«Immobili pubblici svenduti e ribassati, alcuni anche senza la prima asta». Pierpaolo Iacopini del M5S si schiera contro la vendita delle proprietà comunali, in particolare l’appartamento di corso Garibaldi e l’ex scuola di Santa Maria Apparente. Nei giorni scorsi aveva manifestato la sua opposizione all’operazione anche il consigliere Corallini (leggi l’articolo). Le ragioni della contrarietà dei grillini stanno sia sul prezzo di vendita che sull’uso che di quelle strutture potrebbe essere fatto: «La vendita si sta in realtà trasformando in una svendita – dice Iacopini – il prezzo dell’appartamento è stato ribassato del 20% poiché il primo bando era andato deserto, passando da 170 mila euro a 136 mila, ma è inspiegabile che anche il prezzo dell’ ex scuola è passato da 307.800 a 215 mila euro, subendo quindi un ribasso superiore al 30%, ma in questo caso non era stato fatto nessun bando precedentemente. Perché non si provato a vendere l’immobile al prezzo stimato dall’ufficio tecnico comunale?». Iacopini suggerisce anche un’altra soluzione che consiste nel mantenere il patrimonio e destinarlo alle famiglie in difficoltà: «Essendo in un momento di crisi economica tali immobili potrebbero essere usati a scopo sociale ospitando a canone agevolato o addirittura nullo almeno 5 famiglie. Tutto ciò agevolato dal fatto che entrambi gli edifici hanno già come destinazione d’uso, civile abitazione. L’appartamento di corso Garibaldi è addirittura ammobiliato e l’ ex scuola presenta da documentazione tecnica buone finiture.  Il M5S ha quindi presentato una richiesta di interruzione e ritiro del bando di vendita ed una mozione per la ristrutturazione e immediata disponibilità di tali alloggi a fini sociali per le fasce più deboli della popolazione».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X