Basket, il derby premia il Cus Macerata
Picchio ko nel finale

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il capitano del Cus Macerata Alessandro Trillini

Il capitano del Cus Macerata Alessandro Trillini

di Vincenzo Paci

Dopo più di un mese di astinenza il CUS Macerata può tornare a festeggiare i due punti, dopo essere uscito vittorioso da una vera e propria battaglia contro Il Picchio Civitanova. Partita maschia, con ben 60 contatti fallosi ravvisati dai direttori di gara, squadre a contatto fino a una manciata di secondi dalla fine quando i civitanovesi hanno dovuto abbandonare ogni velleità di vittoria e arrendersi sul 66-62. In grande spolvero Kasperskyy tra le fila dei maceratesi con una prova di grande sostanza e personalità sotto canestro unita a un fondamentale apporto dal punto di vista realizzativo quando la palla era più pesante. In casa Picchio si può essere invece soddisfatti della prova del collettivo con ben nove giocatori su dieci che hanno portato punti importanti alla causa, purtroppo per coach De Santis è venuto a mancare l’apporto della sua punta di diamante Pagliariccio, autore di una prova opaca dovuta anche al trattamento speciale riservatogli dalla retroguardia cussina. La cronaca: parte bene il CUS Macerata che detta i ritmi con autorità prendendo un discreto vantaggio grazie a Mancini, Nobili e Kasperskyy; coach De Santis chiama un timeout che giova enormemente ai suoi che iniziano a sporcare la partita e a riguadagnare terreno arrivando a chiudere il primo periodo indietro di una sola lunghezza. 19-18. Nel secondo quarto lo specchio della partita: i civitanovesi partono senza Pagliariccio e i gregari guidati da Fortuna e Bongelli piazzano un parziale di 12-4 ai danni dei maceratesi che, paradossalmente, si svegliano proprio col ritorno in campo di Pagliariccio e mettono a segno un contro-parziale di 11-1 che permette loro di andare al riposo in vantaggio 34-31. Al rientro degli spogliatoi parte un entusiasmante testa a testa che vede le due compagini sorpassarsi ripetutamente, a tre minuti dalla fine la chiave di volta del quarto e forse della partita: Kasperskyy cancella un tentativo di reverse di Ferraro e lancia in contropiede Orioli che mette a segno il suo decimo punto nel periodo e regala ai suoi un doppio possesso di vantaggio come non succedeva da inizio partita. Una tripla di Sbrancia sottolinea che gli ospiti non hanno comunque nessuna intenzione di mollare. Prima degli ultimi dieci minuti il tabellone recita 50-47 in favore dei padroni di casa. Partenza col freno a mano tirato per i civitanovesi che in un amen perdono per raggiunto limite di falli Ferraro e Bongelli e in attacco ritornano a schiantarsi contro quella che un tempo era la famigerata difesa CUS che in otto minuti concede la miseria di 6 punti agli ospiti. Il CUS d’altra parte deve scontrarsi con la zona dei civitanovesi che però Kasperskyy e Mancini scardinano in combutta. A un 1’40” dalla fine i ragazzi di coach Palmioli possono vantare un rassicurante vantaggio di 7 punti sugli avversari, ma ultimamente complicarsi la vita sembra essere diventata la specialità degli universitari che regalano dei viaggi in lunetta gratuiti agli ospiti che ringraziano per la cortesia e si portano a meno 1 a 35 secondi dalla fine. Palla in mano a capitan Trillini che allo scadere dei 24″ si butta dentro e lucra un fallo, una sentenza dalla lunetta e CUS nuovamente in vantaggio di 3 lunghezze. Dall’altra parte la palla viene affidata a Pagliariccio su cui i maceratesi decidono saggiamente di spendere un fallo, 1 su 2 ai liberi, Nobili cattura la carambola, subisce il fallo e la chiude con un viaggio impeccabile al tiro libero. Sul 66-62 con poco meno di 5 secondi da giocare e senza timeout da spendere i civitanovesi alzano bandiera bianca.

Parziali: 19-18, 15-13, 16-16, 16-15.

CUS MACERATA: Orioli 12, Nobili 18, Trillini 9, Mancini 11, Centioni, Santinelli, Medei, Kasperskyy 11, Taborro 1, Isabettini 4. All.Palmioli.

IL PICCHIO CIVITANOVA: Ferraro 4, Pagliariccio 14, Del Papa 6, Serafini 3, Bongelli 7, Tegazi, Sbrancia 5, Fortuna 12, Arbuatti 5, Squadroni 6. All.De Santis.

Direttori di gara: Ciarloni e Cingolani.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X