“La caccia di selezione al capriolo è pienamente sostenibile”

Il presidente dell'Ambito Territoriale di Caccia Val Di Chienti Macerata 2 Pio Chiaramoni chiarisce la sua posizione
- caricamento letture

caprioloDa Pio Chiaramoni, presidente dell’Ambito Territoriale di Caccia Val Di Chienti Macerata 2 riceviamo: 
«In merito all’articolo di sabato 22 febbraio 2013: “Caccia a daini e caprioli, il TAR dice no” pubblicato su Cronache Maceratesi è bene evidenziare per una questione di correttezza che il ricorso in oggetto si riferisce alla stagione venatoria 2011/2012 in quanto per la stagione venatoria 2012/2013 un analogo ricorso presentato dalla LAC non è stato accolto dal TAR Marche; non c’è stata nessuna sospensiva in merito in quanto la delibera della Provincia di Macerata era perfettamente in regola con quanto stabilito dalla normativa vigente. infatti i tecnici faunistici degli AA.TT.CC. e l’Osservatorio Faunistico Regionale hanno ottemperato a quanto previsto dalla legge e dal Regolamento Regionale che disciplina il prelievo degli ungulati. Pertanto, senza tanta demagogia e posizioni ideologiche preconcette, è bene dire come stanno veramente i fatti: la caccia di selezione al capriolo è legittima in Provincia di Macerata, è una caccia pienamente sostenibile come accade in altre Regioni dove viene effettuata una corretta gestione faunistico- venatoria. Infatti lo stesso ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione Ambientale) ha sempre considerato questo tipo di prelievo compatibile con la salvaguardia della specie capriolo. Non vanno dimenticati inoltre, come si evince espressamente dai dati forniti dalla Regione Marche, i numerosi incidenti stradali causati dai caprioli e dagli ungulati in genere in tutta la Provincia, e gli ingenti danni alle colture agricole anche di pregio. Non bisogna confondere infine gli eventuali interventi di controllo della specie che effettua la Provincia in base alla a Legge Regionale  con la caccia di selezione che viene normata ogni anno in base al calendario venatorio deliberato dalla Giunta Regionale. Ci sembrava doveroso chiarire la questione».

La redazione di Cronache Maceratesi fa presente che l’articolo riportava, come ben indicato all’interno dello stesso il commento di Danilo Baldini, delegato responsabile della Lega per l’Abolizione della caccia per le Marche. All’interno del commento comunque si faceva riferimento alla stagione di riferimento.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X