Il 2012 anno nero per l’edilizia marchigiana

Il fatturato si è ridotto del 20%
- caricamento letture

cantiere140D1

Nel corso del 2012, secondo Cna e Confartigianato Marche, il fatturato delle imprese edili della regione si e’ ridotto del 20% e gli investimenti del 22%, mentre i costi sostenuti dalle imprese sono aumentati dell’11%. Le due associazioni temono un “tracollo definitivo” di un settore che, nelle Marche rappresenta il 7% del Pil.

Nell’ultimo anno, gli occupati nel settore sono passati da 57.591 a 46.117, con una perdita di 11.474 posti di lavoro: si tratta in maggioranza di piccoli imprenditori edili. Infatti, mentre i dipendenti sono scesi da 29.391 a 25.083 (- 4.308), i titolari e soci d’impresa sono passati da 28.200 a 21.079 (- 7.121). In calo evidente anche le assunzioni (-19,6% nel confronto tra il secondo trimestre 2011 e l’analogo periodo del 2012), mentre aumentano i lavoratori iscritti alle liste di mobilità (+33,6%) e le ore di cassa integrazione (+148,6%). Secondo le due associazioni artigiane “senza un rilancio dell’edilizia non si esce dalla crisi, perchè sono più di 20 i settori che dipendono dall’andamento delle costruzioni”. La richiesta e’ di avviare interventi per favorire il recupero dei centri storici, la bioedilizia, il risparmio energetico, la messa in sicurezza degli edifici. “Per questo la Regione Marche – concludono Cna e Confartigianato – deve mettere al centro delle sue politiche industriali proprio il comparto delle costruzioni, i lavori pubblici e il mercato immobiliare”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X