Disfatta Lube, Cuneo ringrazia
e vince la prima sfida di semifinale

PLAY OFF SCUDETTO - Nella nuova "casa" di Osimo i biancorossi perdono 3-1: dopo aver giocato alla pari per due set i ragazzi di coach Giuliani escono completamente dal campo e non vanno oltre i 13 e 18 punti nel terzo e quarto set. Domenica a Cuneo non si potrà sbagliare
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Lube-Cuneo-1-300x199

di Andrea Busiello

(fotoservizio di Guido Picchio e Lucrezia Benfatto)

Quando in una semifinale scudetto si perde in casa un set a 13 e un altro a 18 probabilmente c’è qualcosa che non va. Non si può parlare di un problema tecnico visto che la differenza tra le due squadre è minima. Probabilmente il problema è mentale e se non ci sarà una svolta non si potranno nascondere le responsabilità della guida tecnica. Ma nessuno può sentirsi esente da colpe dopo una prova del genere. Cuneo vince al Pala Baldinelli di Osimo (tra gli oltre 3 mila spettatori presenti anche il Vescovo di Macerata Claudio Giuliodori) al termine di una gara anomala. Clima da play off solo nei primi due set dove il punteggio viene fissato sull’1-1 e poi buio pesto per i biancorossi di casa: i piemontesi vincono 3-1 e vedono la finalissima scudetto più vicina.

Lube-Cuneo-10-300x199

Uno scivolone di queste dimensioni non è ammissibile per una squadra che era stata costruita per provare a vincere tutto e che si trova ad un passo da una stagione fallimentare. La delusione nei volti dei tifosi di fede biancorossa a fine gara è eloquente. Prima dell’inizio della sfida in curva era apparso uno striscione che recitava “Dai ragazzi vinciamo che a Milano noi tutti andiamo”. Ma per andare al V-Day di Milano la Lube dovrà assolutamente vincere domenica gara 2 a Cuneo (in campo alle 17.30)oltre all’eventuale terza sfida in programma mercoledì prossimo a Osimo.

LA CRONACA – La partenza dei biancorossi è micidiale ed il turno al servizio di Omrcen porta subito la Lube sul 4-0 con coach Placì costretto a chiamare immediatamente il time out. Il colpo di Kovar porta la Lube sul 12-6; i biancorossi vanno al secondo time out tecnico sul 16-12 grazie al bel primo tempo di Stankovic ed il muro di Podrascanin porta Macerata sul 20-15. Cuneo non molla e con l’ace di Mastrangelo si porta sul -1 (23-22) infuocando il finale di parziale.

Lube-Cuneo-2-291x300

Quando la palla scotta, Travica sa sempre a chi darla e il solito Omrcen non perdona. Primo set che si chiude 25-23 per i biancorossi. L’inizio di secondo parziale è sempre contrassegnato da grande equilibrio: Fortunato firma il 12-11 per Cuneo. Gli ospiti giocano meglio della Lube e così Vissotto firma il muro del 20-17. Sul 22-19 incredibile topica del primo arbitro che regala il punto alla Lube e rende rovente il finale di set che si chiude con il muro di Grbic su Savani (25-22 ed 1-1 nel computo dei parziali). Il terzo set è un dominio assoluto della Bre Banca sin dalle prime battute. La Lube è moscia, non sembra essere in partita e per Cuneo è un gioco da ragazzi passare dall’8-4 al 16-9 sempre con il belga Wijsmans. Giuliani prova a fare qualche cambio ma la squadra non risponde ed il finale di set è poco più che un allenamento per Cuneo che vince 25-13 e si porta avanti 2-1. La Lube è allo sbando e Cuneo ne approfitta con Mastrangelo che firma il 7-3 e Vissotto il punto del 13-10. Il finale di set e match è un monologo della formazione ospite, il muro di Fortunato vale il 22-16. L’errore al servizio di Kovar chiude il set sul 25-18 per Cuneo. Vittoria sin troppo agevole per i piemontesi al copetto di una bruttissima Lube, capace di giocare su buoni livelli solo per due parziali. Troppo poco in una semifinale scudetto.

Lube-Cuneo-3-300x229

LE PAGELLE DI LUBE-CUNEO

LAMPARIELLO SV:
SAVANI 4.5: Prova da dimenticare. Sette errori al servizio ed un apporto insufficiente sia in ricezione che in attacco.
EXIGA 5.5: Dopo uno splendido primo set, cala come tutta la squadra. Le sue percentuali in ricezione non sono sufficienti.
STANKOVIC 6.5: Uno dei pochi a meritare la sufficienza. Chiude con il 67% in attacco, a muro non firma nessun blocco.
KOVAR 5.5: Meglio di Savani ma ugualmente insufficiente. In ricezione non da il contributo sperato, troppi i 4 errori diretti in questo fondamentale.
MONOPOLI SV:
VAN WALLE SV:
TRAVICA 6: Nel confronto a distanza con Grbic ha la meglio il serbo ma il palleggiatore azzurro non demerita e si guadagna la sufficienza.

Lube-Cuneo-4-300x236

OMRCEN 5.5: Un primo set da leone e poi scompare dal taraflex. Troppi gli errori e i muri subiti.
PODRASCANIN 5.5: Altra prova non brillante del centraline serbo. Due ace e tre muri mascherano delle percentuali non esaltanti in attacco.

LE DICHIARAZIONI DEL POST LUBE-CUNEO

ALBERTO GIULIANI (allenatore Lube Banca Marche): “Gradualmente il servizio ci ha abbandonato, abbiamo commesso molti errori, e sulla loro battuta media la squadra ha faticato tantissimo, troppo. Loro hanno giocato una buonissima partita, e quando il punteggio crea dei distacchi grandi come quelli di stasera è poi difficile riuscire a recuperare, anche perché il nostro avversario ha sfoderato sempre una gran concretezza in fase di cambio palla. Adesso dovremo cancellare questa sconfitta, e andare a Cuneo con la consapevolezza di dover sfoderare tutt’altra prestazione: servirà un gioco migliore per quello che riguarda il cambio palla, partendo dalla ricezione, ma soprattutto una certa continuità nella determinazione”.

Lube-Cuneo-5-300x253

JIRI KOVAR: “Siamo partiti molto bene, sospinti da un gran battuta. Poi siamo decisamente calati in tutti i fondamentali, al cospetto di una Cuneo che invece pure stasera si è dimostrata la squadra più forte del campionato nel muro-difesa. La chiave della partita va ricercata soprattutto lì. Niente è perduto, questo è sicuro, perché c’è ancora un’altra partita da giocare. Di sicuro, però, dovremo giocarla davvero al massimo per pareggiare i conti, dimenticandoci già da stasera questa sconfitta di Gara 1”.

DRAGAN STANKOVIC: “Partenza buona, poi ci siamo decisamente spenti. Cuneo è salita decisamente nel livello di gioco, mentre noi, non trovando più grande efficacia al servizio, abbiamo sofferto moltissimo in tutti i fondamentali, accusando molte difficoltà soprattutto quando il loro muro-difesa ha cominciato a funzionare benissimo con costanza. E’ una brutta sconfitta, ma abbiamo la possibilità di rifarci e dovremo essere bravi a sfruttarla”.

CAMILLO PLACI’: “La svolta secondo me è stata nel primo set, in cui siamo partiti troppo male per quelle che sono le nostre qualità. Si giocava in un impianto tutto nuovo per entrambi, ed i tanti errori commessi sia in battuta che in ricezione denotano come la mancanza di punti di riferimento consolidati sia mancata anche alla Lube Banca Marche, che se andiamo a vedere qui si è allenata solo una volta più di noi. La nostra bravura sta nell’essere stati bravi a tener botta nelle difficoltà incontrate in avvio di partita, per poi venir fuori a partire dal secondo set. Ma non è ancora finita, di questo dobbiamo esserne consapevoli”.

Cuneo-Lube-1-283x300   Cuneo-Lube-10-300x199   Cuneo-Lube-11-300x199   Cuneo-Lube-12-300x199   Cuneo-Lube-13-300x231   Cuneo-Lube-14-300x199   Cuneo-Lube-2-300x199   Cuneo-Lube-3-300x199   Cuneo-Lube-4-200x300   Cuneo-Lube-5-300x231   Cuneo-Lube-6-300x244   Cuneo-Lube-7-300x263   Cuneo-Lube-8-232x300   Cuneo-Lube-9-300x195  

Lube-Cuneo-6-300x199   Lube-Cuneo-7-300x189   Lube-Cuneo-8-300x230   Lube-Cuneo-9-300x199



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X