Ferranti, il trascinatore del Ripe
“Daremo tutto per evitare i playout”

SECONDA CATEGORIA - Il bomber ha già realizzato 9 gol in campionato: "Al decimo centro ho pronta una dedica speciale"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

di Federico Bettucci

Capace di imporre con merito lo 0-0 al Serralta, secondo in classifica e distante 17 lunghezze in graduatoria, il Ripe Val di Chienti si trova attualmente due punti sopra la zona playout. Una zona da scongiurare a tutti i costi per la compagine guidata dall’allenatore-giocatore Giordano Calvigioni, che in attacco può schierare uno dei bomber più decisivi per la propria formazione di tutto il girone F di Seconda categoria. Dei 21 gol messi a segno (peggio solo il Sarnano con 20), ben 9 portano l’autografo di Riccardo Ferranti. Uno abituato da sempre a buttarla dentro. È proprio lui a commentare il suo campionato e quello della sua squadra. Che di Ferranti, nella lotta per evitare la retrocessione, non può assolutamente fare a meno.

Cominciamo dall’ultimo match. Conquistato un buon punto contro il Serralta secondo. Nel corso del primo tempo, propiziato da una sua bella azione personale, c’era anche scappato il gol, poi annullato. Ma era fuorigioco oppure no?
“Sono sincero, secondo me la segnalazione dell’arbitro ci poteva anche stare. Diciamo che il gol (di Paoloni, ndr) l’ho visto “quasi” in fuorigioco. I miei compagni hanno protestato tanto, ma ritengo che la decisione del direttore di gara ci potesse stare. L’azione è stata bella, ed è stata anche una delle poche che mi ha visto protagonista, dato che la mia e quella di tutti è stata una partita di sacrificio. Ma l’ho fatto volentieri, serviva questo. Detto questo, il pareggio è stato il risultato più giusto, in una gara in cui il Serralta ha attaccato maggiormente e noi ci siamo difesi molto bene”.

Il vostro calendario delle ultime 5 partite non sembra impossibile: 3 gare in casa e 2 trasferte non proibitive, contro Sarnano e San Claudio. Cosa vi servirà veramente per raggiungere la salvezza?
“A mio avviso conquistando 7 punti la salvezza sarebbe pressoché acquisita. Al 90% questo bottino ci garantirebbe la permanenza in categoria. Cercheremo di sfruttare al meglio le partite casalinghe e magari poi tentare un blitz tra Sarnano e San Claudio. Di sicuro dovremo lottare duramente fino alla fine”.

Soddisfatto del vostro campionato?
“A livello personale, ni. Ho segnato 9 gol ma potevo farne di più: per questo spero di realizzarne qualche altro da qui al termine della stagione. A livello di squadra, il nostro percorso si è rivelato veramente molto difficile. Ci sono stati parecchi alti e bassi dal punto di vista societario. Ma la forza del gruppo ci ha sempre spinto a continuare, unitamente alla fiducia che abbiamo costantemente riposto nel nostro allenatore. Grazie alla coesione di tutti noi giocatori e alla bravura del nostro mister siamo stati capaci di tirarci fuori, lasciandoci così alle spalle qualche problemino societario”.

Ha segnato praticamente la metà dei gol della sua squadra. Qual è il suo obiettivo stagionale di reti?
“Come detto prima, avrei potuto realizzarne anche di più, anche se come squadra in generale incontriamo un bel po’ di difficoltà ad andare a bersaglio. Spero di arrivare a quota 12. E per il decimo centro, che mi auguro arrivi il prima possibile, ho già pronta una dedica particolare…”.

Per chi?
“Preferisco non svelarla per scaramanzia”.

Il suo gol più bello di questa stagione? Lo descriva
“Quello contro il San Claudio in casa (era il 26 novembre, ndr): il primo tempo eravamo sotto 1-0 e dopo il pareggio di Contigiani ho realizzato il punto della vittoria al minuto numero 92. Mi arriva una bella palla sulla sinistra, io stoppo e controllo, punto l’uomo, lo salto ed infine con il destro lascio partire un tiro potente che si va ad insaccare sul secondo palo e che batte un portiere veramente forte come Tentella. Ricordo che mi lasciai andare ad una grande esultanza, dovuta sia alla bellezza del gesto che all’importanza di quel nostro successo”.

Chiudiamo con i pronostici del campionato...
“Per la vittoria del campionato ormai c’è poco da dire. Il Montesangiusto ha il primo posto in tasca. Nei playoff vedo Serralta, Muccia, Amatori Corridonia e per l’ultimo biglietto disponibile i Giovani Tolentino. Anche se, per ragioni di cuore, spero che lo conquisti l’Elfa. Per quanto riguarda la lotta per non retrocedere, preferisco non sbilanciarmi e non azzardare pronostici. Spero e credo nella nostra salvezza: faremo di tutto e di più per evitare le insidie dei playout. Per il resto faccio l’in bocca al lupo a tutte le altre contendenti”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X