“La maggioranza trasversale
e il culto del dio mattone”

MACERATA - Sel commenta il voto contrario del Consiglio comunale alla mozione sul censimento delle superfici urbanizzate nel Comune
- caricamento letture
ciarlantini_tartabini

Pierpaolo Tartabini in Consiglio comunale

Sel Macerata e il gruppo consiliare di Sinistra per Macerata commentano il voto contrario del Consiglio comunale alla mozione presentata dal consigliere Tartabini per l’adesione alla campagna nazionale di difesa del suolo (leggi l’articolo):

“E’ stato uno spettacolo triste ed emblematico la votazione che ha visto destra, centro e ciò che stentiamo a definire sinistra ricompattarsi per respingere la mozione presentata da SEL sul censimento delle superfici urbanizzate nel Comune.

Come quei giapponesi impegnati a difendere la loro isoletta anche dopo la fine della guerra, una maggioranza trasversale impaurita e arrogante non riesce a comprendere che il mondo fuori dal Consiglio Comunale sta cambiando, che il dio mattone non è più in grado di moltiplicare pani e pesci.

La mozione presentata da Pierpaolo Tartabini infatti non è un suo vezzo, fa parte di una campagna nazionale che sul modello del Forum per la difesa dell’acqua sta cercando di porre all’attenzione pubblica una questione fondamentale, ovvero la necessità di verificare quanta parte del patrimonio immobiliare sia inutilizzata prima di procedere a nuove edificazioni.

Il suolo è un bene comune, sempre più scarso e quindi prezioso: è necessario puntare al miglioramento, alla riqualificazione estetica, funzionale ed energetica degli edifici piuttosto che aumentare i volumi edificabili per abitazioni e attività produttive, quando la popolazione non aumenta e le imprese soffrono la crisi.

Un buon padre di famiglia sarebbe attento a sfruttare al massimo ciò che ha, prima di dilapidare il proprio patrimonio; sempre più cittadini stanno acquisendo la consapevolezza della necessità di uscire da un’epoca di euforia del consumo, di sfruttamento sregolato delle risorse ambientali.

La maggioranza della classe politica rappresentata in Consiglio non ha ancora raggiunto questa coscienza, ciecamente arroccata a sostenere incroci di interessi, a raccogliere le ultime briciole di un banchetto ormai finito. Lo sfruttamento della rendita edilizia, che diventa speculazione, ha rappresentato il più grande motore di un processo economico ormai arrivato allo sfinimento, oltre che fonte dei più evidenti fenomeni corruttivi degli ultimi anni.

Raccogliamo segnali positivi da parte di una sinistra che si è coraggiosamente riunita intorno alla mozione, ci sono consiglieri che agli ordini di partito antepongono la propria coscienza, l’Amministrazione si è dichiarata favorevole a svolgere il censimento degli immobili; ci sono segnali di cedimento del muro, sono i cittadini che daranno la spinta finale”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X