Arriva da est un nuovo fronte freddo
E versare il sale non porta male…

Le previsioni avvertono: rischio blizzard sull'Italia da questo venerdì. Basteranno, stavolta, 48 ore di preavviso perché ci si prepari in tempo? Intanto a Macerata ci si affida agli indovini per scoprire se bisogna togliere o meno le catene
- caricamento letture
Neve-a-Macerata-foto-di-Maurizio-Montedoro-bis-5-300x200

Neve a Macerata, foto di Maurizio Montedoro

 

di Filippo Ciccarelli

Quando a Snoopy, il fedele e simpaticissimo cane bracchetto nato dal genio di Charles Schulz, prendevano le sue voglie di romanziere, saliva sul tetto della sua cuccia e cominciava a battere su una macchina da scrivere. Non solo racconti: si cimentava spesso anche nel comporre lettere. Una la intitolò così: “A chiunque possa interessare. Caro Chiunque, …”.
Ecco, questo è un appello a Chiunque possa o debba interessare; non ci azzardiamo a nominare questo o quell’ente, men che meno questo o quell’ufficio. Caro Chiunque, sappi che sull’Italia sta arrivando una nuova perturbazione, che dovrebbe portare neve, venti freddi, e ghiaccio per le strade. Per cui, questa volta, sarebbe opportuno spargere sale e annessi prima che la temperatura vada sotto lo zero, senza pentirsi di non poterlo fare dopo, quando sopra al ghiaccio ci sarà pure la neve.
E’ vero che i media fanno spesso terrorismo meteo-psicologico, ma capita che qualche volta ci prendano. Se poi sono tutti concordi (meteorologi, Regione, Protezione Civile, ed altri addetti ai lavori) nel dire che c’è la possibilità di nuove, abbondanti nevicate, condite dal vento che sta causando tanti problemi e dal gelo, qualche stimolo in più ad intervenire c’è. Certo, capita di fare errori, o comunque di avere parere discordanti. E’ il caso della “tormenta” che doveva arrivare anche alle nostre quote martedì scorso, ma che non ha scaricato su Macerata i 50 centimetri di neve attesi, come aveva paventato proprio la Protezione Civile, a dispetto dell’ufficio meteo dell’Osservatorio Geofisico di Macerata, guidato dal dottor Redo Fusari, profeta (a buon titolo) di una previsione meno nefasta. Di sicuro la natura non risponde ai dettami dei bollettini stilati dagli uomini, per loro natura fallibili. E forse le recenti vicende che hanno visto coinvolto a vario titolo l’organo diretto a livello nazionale da Franco Gabrielli (con le terribili vicende dell’alluvione di Genova, dove vennero tenute aperte le scuole nonostante l’allarme, e la tragicomica situazione romana, con lo scontro tra il primo cittadino capitolino Alemanno e lo stesso Gabrielli), hanno suggerito un arrotondamento per eccesso sull’effettiva portata dei fenomeni.
Rimaniamo però sull’esempio di Macerata: molte (tutte?) vie del centro storico, così come tante vie periferiche, sono ancora coperte da un consistente manto nevoso, sotto al quale sonnecchiano pochi centimetri di ghiaccio. Cosa si aspetta a ripulire strade e marciapiedi, per consentire così la messa in moto dei mezzi spargisale?

Effetti-del-Buran

La vignetta di Filippo Davoli

Neve-a-Villa-Potenza-foto-di-Marco-Baldi-3-300x225

La neve ricopre Villa Potenza, foto di Marco Baldi

 

Una piccola mano la stanno dando le temperature, che timidamente e per poco tempo salgono sopra lo zero, cominciando così a sciogliere da tetti e grondaie i ghiaccioloni che i pigri cittadini maceratesi si ostinano a non voler rimuovere. Ma ripulire, e alla svelta, le vie del capoluogo non è solo uno dei doveri che ti spetterebbe, caro Chiunque; è anche un servizio ai cittadini che non sanno cosa troveranno per terra dopo la prossima curva, e quale equipaggiamento usare – è risaputo che le gomme termiche, sul ghiaccio, non danno molte garanzie.C’è tutto il tempo sufficiente per liberare le strade e cercare di contrastare, per quanto possibile, gli effetti della nuova perturbazione. Si può superare perfino la superstizione: buttare il sale per terra non porta male. Ed eviterebbe ai maceratesi la consultazione di oracoli per sapere se levare, o meno, le catene. Per favore, Chiunque, occupatene tu, e non aspettare che ci pensi Qualcun’altro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X