Da Kabul a Recanati
il saluto di Padre Moretti su Radio Uno

Il barnabita, durante un collegamento con la trasmissione Check-in, ha ricordato Giacomo Leopardi, Beniamino Gigli... e la sua mamma
- caricamento letture
padregiuseppemoretti

Padre Giuseppe Moretti

Padre Giuseppe Moretti, il barnabita recanatese in missione a Kabul da 24 anni, ha omaggiato i recanatesi e in particolare i suoi illustri concittadini Giacomo Leopardi e Beniamino Gigli in un collegamento direttamente dall’Afghanistan trasmesso ieri mattina da Check-in, la nota trasmissione di  Radio Uno condotta dal marchigiano Paolo Notari e da Benedicta Boccoli.
«Volevo fare il giornalista o il diplomatico  – ha raccontato Padre Moretti – poi incontrai un padre Barnabita ed ora eccomi qui, sono i giochi di Dio». Il barnabita ha poi  parlato dell’Afghanistan e dei suoi negativi primati e ha raccontato l’atmosfera che si respira in quei luoghi. Alla domanda di Benedicta Boccoli « Cosa le manca dell’Italia?» Padre Moretti si è lasciato andare e ha detto con grande orgoglio «Vorrei che l’Italia ritornasse ad essere grande, come dice Leopardi mio concittadino spero che la sua gloria torni a risplendere. Vorrei rivederla quella che veramente è, bella non solo nei paesaggi ma nella sua cultura e nella sua grandezza».

Grande commozione per Padre Moretti quando Paolo Notari lo ha incalzato «Chi vogliamo salutare in Italia? La radio è a sua disposizione»Il barnabita ha cominciato dai  familiari, poi i  confratelli e  quanti gli vogliono bene. «Il mio cuore batte là. Due anni fa moriva la mia bellissima mamma e io purtroppo ero in chiesa, vorrei riascoltare la canzone Mamma del mio concittadino Beniamino Gigli»

Ascolta il podcast



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X