Padrone e barboncino aggrediti
da un chow chow mentre passeggiano

MONTECASSIANO - L'uomo è stato medicato in ospedale e giudicato guaribile in quindici giorni. Il povero animale, invece, rischia di perdere una zampa
- caricamento letture
Immagine-004-300x224

Billy, il barboncino aggredito

 

di Beatrice Cammertoni

Porta a passeggio il suo barboncino di dodici anni e finisce con lui vittima della furia di un cane sciolto fuggito da casa. E’ successo a Flavio Pianesi a Montecassiano, nella zona residenziale che circonda il complesso scolastico in via Carducci. L’uomo, dopo essere stato attaccato dall’animale, si è rivolto al Pronto Soccorso  ed è stato dichiarato dai medici che l’hanno curato “guaribile in 15 giorni”.  Ancora peggio è andata a Billy, il barboncino, che è stato operato d’urgenza stanotte e che rischia di camminare su tre zampe per il resto della sua vita. “Mentre erano usciti per il solito giro della sera – racconta il figlio Federico Pianesi –  un chow chow lo ha aggredito da dietro, azzannandolo come se fosse una preda da caccia. Nel tentativo di divincolarlo dalle fauci dell’altro animale, ben più grosso di lui, mio padre ha tentato di aprirgli la bocca, ma una volta messo al sicuro il cane è diventato lui stesso la vittima dell’attacco, riportando ferite al gomito, alla mano ed un brutto colpo all’anca cadendo a terra. Nel frattempo, una signora che aveva assistito alla scena è arrivata in soccorso, prendendo in braccio Billy una volta che mio padre lo aveva liberato. Quasi in successione però, il chow chow è passato ad accanirsi sul cane portato a spasso da lei, su lei stessa e sulla suocera che l’accompagnava”. Un brutto morso alla zampa e tanto spavento per l’animale, ferite guaribili in qualche giorno per le due signore. Una furia che non si spiega quella del cane sfuggito al controllo dei padroni: la razza, di origine giapponese, ha nel suo DNA l’istinto di difendere il suo territorio perché usato come guardia, ma in questo caso, lontano dall’abitazione dei padroni, non se ne spiega la violenza.

Immagine-003-300x224“I proprietari si sono scusati e sono stati molto dispiaciuti per l’accaduto – continua Federico – io e la mia famiglia chiaramente non ce l’abbiamo con nessuno, ma credo sia importante sensibilizzare sull’argomento: i cani potenzialmente aggressivi devono essere tenuti a dovere, non possono essere tollerate mal curanze di questo genere, altrimenti, noi proprietari di animali di piccola taglia dovremmo aver paura di portarli in giro. Cosa sarebbe successo, per esempio, se la signora che ci ha aiutato non fosse stata accompagnata dalla suocera ma dalla nipotina come spesso accade?” Intanto Billy, ricoverato d’urgenza in clinica e operato nella notte, ha riportato la lussazione del bacino e la rottura di un’anca, avrà sicuramente problemi motori visto che la zampa posteriore sinistra è uscita dall’asse del bacino. “Il veterinario ci ha detto di vedere se tra qualche mese sarà possibile rioperare, ma intanto Billy resterà su tre zampe”.

Chow_Chow_Dog

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X