L’ex Ramadori castiga
una Maceratese sempre più brutta

ECCELLENZA - La Biagio Nazzaro vince 3 a 0 (doppietta dell'ex attaccante biancorosso e gol di Colella). Play out inevitabili per la squadra di Pierantoni
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
maceratese2-7-300x209

Ramadori in azione nella prima parte del campionato con la maglia della Maceratese

 

di Filippo Ciccarelli

La Maceratese perde in modo clamoroso nella tana della Biagio Nazzaro Chiaravalle uno dei match point decisivi per risalire in classifica, in vista degli oramai imminenti play out. A quattro giornate dal termine del campionato i biancorossi si trovano in quart’ultima posizione a quota 34 e dovrebbero recuperare sei punti sulla Cingolana per evitare gli spareggi per non retrocdere in Promozione. Insomma, i play out sembrano ormai inevitabili. Oggi la Maceratese ha incassato tre reti, delle quali due sono state segnate dall’ex di turno, Manuele Ramadori, scartato dai biancorossi a dicembre. L’atteggiamento mostrato dall’undici di Pierantoni è consono alla misera posizione in classifica; poche idee, ancor meno concretezza e mancanza di temperamento hanno spianato la strada ad una Biagio Nazzaro che non ha mai impresso ritmi alti alla partita.
La cronaca. Al 9′ Borgognoni si trova da solo di fronte a Martinelli, ma colpisce male di testa e vanifica il bel cross di Ramadori. Proprio Martinelli è una delle sorprese nella formazione schierata da Pierantoni che ha lasciato in panchina l’esperto portiere Cavaliere oltre agli under Borgiani, Trillini e Testa. In campo sono scesi Bonsignore e Cacciatori in attacco, Meligeni e Gigli al centro del campo, Petrucci e Belkaid sugli esterni, con il pacchetto arretrato formato da Leopardi, Benfatto, Del Moro e Grcic.
All’11’ Bonsignore colpisce a lato di testa un pallone partito dal piede di Petrucci. Al 34′ il calcio d’angolo di Belkaid viene indirizzato in porta da Grcic, ma il croato cade dopo aver subito forse un colpo al volto che sarebbe potuto essere rigore per la Maceratese. Anche la Biagio può recriminare quando al 36′ viene annullata una rete a Borgognoni per un sospetto fuorigioco. Al 42′ i padroni di casa passano grazie alla magistrale punizione di Ramadori, che trafigge l’ex compagno di squadra Martinelli con una conclusione  a giro sotto l’incrocio. Al 44′ è ancora Ramadori che potrebbe ripetersi, ma il suggerimento di Guerra finisce oltre la linea di fondo campo. Proprio allo scadere del primo tempo Belkaid ha sul suo piede destro il pallone del possibile pareggio, ma la conclusione di controbalzo è debole e viene bloccata da Giacconi.

Il secondo tempo si apre con la Maceratese che prova a trovare la via del gol; al 3′ con Belkaid su calcio di punizione messo in angolo dal portiere e poi con Cacciatori che sugli sviluppi di quel corner gira a lato di pochissimo. Al 5′ azione personaledi Grcic che parte dalla propria trequarti, taglia in due il campo e si presenta al limite dell’area della Biagio con un tiro controllato solo in due  tempi da Giacconi. La reazione della Maceratese viene stroncata al 7′: una nuova punizione di Ramadori fissa il punteggio sul 2 a 0, ed in questo caso bisogna registrare l’ennesimo errore di posizionamento di Martinelli, che come troppo spesso gli è accaduto riesce solamente a toccare il pallone senza tuttavia respingerlo in modo decisivo. Al 20′ Belkaid spedisce a lato un pallone che lo stesso aveva giocato in contropiede. Tre minuti dopo il neo entrato Colella, già autore nel match di andata del gol del pareggio, trafigge Martinelli, che non accenna nemmeno a mimare la parata sul diagonale del centrocampista biagiotto. L’occasione è stata propiziata da un pallone perso da Belkaid all’altezza della trequarti biancorossa.
Il calvario per i tifosi della Maceratese non è finito perchè al 40′ sono costretti ad assistere ad un gol mangiato da Bonsignore, che da un paio di metri di distanza dalla linea di porta colpisce il pallone dal basso verso l’alto con la testa spedendolo sopra la traversa. E’ l’ultimo atto di una partita che la Maceratese ha giocato senza cuore e con tanta confusione. La croce rossa che campeggiava oggi sulla divisa della Maceratese è proprio il simbolo della pena che tifosi e appassionati sono costretti a sopportare.
A fine partita troviamo capitan Cacciatori fuori dallo spogliatoio in lacrime e con  il volto nascosto dalle mani. Accanto a lui il direttore generale Maria Francesca Tardella, che dichiara: “Faccio i complimenti alla Biagio Nazzaro, hanno giocato bene. Noi non riusciamo proprio a trovare la via del gol, non riusciamo a produrre niente di buono. Faccio inoltre i complimenti a Ramadori per i due gol che ha segnato”. La squadra è rassegnata alla retrocessione? “No, assolutamente no. Nè la squadra nè la società”.
L’analisi del presidente Paci è questa: “Noi abbiamo fatto la partita, la Biagio ha avutto gli episodi a favore. All’inizio del secondo tempo per esempio abbiamo avuto due occasioni con Caccaitaori e Belkaid, adesso pensiamo ai play out, se l’Ancona vince la Coppa Italia e non vince il campionato basta vincere gli spareggi”.

***
3 a 0

BIAGIO NAZZARO: Giacconi 6, Sgammini 6, Montanari 6.5, Domenichetti 6, Santinelli 6.5, Polanco 6.5, Ramadori 8.5 (21′ st Colella 7), Bartolucci 6.5, Borgognoni 7, Guerra 6, Camilletti 6. A disp.: Fossi, Bongiovanni, Ragni, Fioretti, Fulgenzi, Montesi. All. Favi.
FULGOR MACERATESE: Martinelli 4, Leopardi 4, Grcic 6, Gigli 5.5, Benfatto 5.5 (19′ st Testa 6), Del Moro 5.5, Petrucci 4.5 (10′ st Borgiani 5), Meligeni 5 (35′ st Iuvalè n.g.), Cacciatori 6, Bonsignore 4, Belkaid 5. A disp: Cavaliere, Trillini, Romansky, Eclizietta. All. Pierantoni.
Arbitro: Paoletti di Ascoli Piceno.
Reti: 42′ pt e 7′ st Ramadori, 23′ st Colella.
Note: spettatori 150 circa; angoli 5 a 1 per la Maceratese; ammoniti Montanari per la Biagio, Benfatto, Meligeni e Cacciatori per la Maceratese. Recuperi 2+3.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X