Operazione canapa
Perquisizioni e arresti
in tutta la provincia

Impiegati elicotteri, unità cinofile e 100 carabinieri. In manette un 54 enne di Tolentino e un 48enne di Mogliano, denunciate 17 persone in alri Comuni
- caricamento letture

elicottero-carabinieri

 

di Roberto Scorcella

E’ stata una delle operazioni più imponenti degli ultimi anni quella messa in atto oggi dai carabinieri del Reparto Operativo della Compagnia di Macerata e che ha coinvolto i colleghi di tutte le Stazioni della Provincia. Un’operazione nata per fronteggiare il fenomeno sempre più dilagante dell’acquisto via internet di semi di canapa indiana utilizzati poi da novelli “agricoltori  in erba” (letteralmente) per domestiche piantagioni grazie alla quali ottengono marijuana. Sono un piccolo esercito, infatti, gli aspiranti produttori in proprio di marijuana e l’azione dei carabinieri sarebbe solo la punta di un iceberg di dimensioni enormi. Nella giornata di oggi complessivamente sono state arrestate due persone e altre diciassette denunciate mentre sono finiti sotto sequestro circa 1200 semi di canapa indiana, 50 grammi di cocaina, altrettanti di hashish e 100 cartucce detenute illegalmente. Complessivamente sono state operate 36 perquisizioni. Ma andiamo per ordine.

foto-perquisizioni-macerata

Oggetti trovati durante le perquisizioni di oggi

 

L’operazione è iniziata questa mattina all’alba, quando, insieme alle pattuglie dei carabinieri della provincia si sono levati in volo gli elicotteri dell’Arma da Falconara e sono arrivate a Macerata le unità cinofile da Pesaro. In totale sono stati impiegati cento carabinieri che hanno svolto un servizio ben mirato verso quei soggetti indicati dalle indagini come possibili detentori di semi di canapa indiana o di droga. A Tolentino i militari si sono imbattuti in un “coltivatore diretto” che aveva attrezzato in casa una vera e propria serra serre con tanto di termometri, lampade alogene, impianto di irrigazione e  sistema di ventilazione per garantire alle piantine un habitat perfetto dove crescere rigogliose. Peccato, però, che la legge non consenta questo tipo di pollice verde e così per W.C., 54 anni, è scattato l’arresto. Stessa sorte per P.P., 48 anni, di Mogliano nella cui abitazione i carabinieri hanno trovato circa 200 semi di canapa indiana. Entrambi sono stati associati al carcere di Montacuto a disposizione dell’autorità giudiziaria.

foto-perquisizioni-macerata1-300x240

Altre diciassette persone sono state denunciate a piede libero per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti nei Comuni di Macerata, Civitanova, Morrovalle, Sarnano, Caldarola, Penna San Giovanni, Colmurano e Urbisaglia. In una delle perquisizioni sono state trovate 100 cartucce detenute illegalmente e anche in questo caso è scattata la denuncia a piede libero.

A far scattare le perquisizioni verso le persone finite oggi nei guai sarebbero stati i ripetuti clic e le visite a siti web che vendono i semi di canapa indiana monitorati dalle forze di polizia.  Si erano illusi che la copertura offerta dalla rete e il fatto di aver pagato la merce con carta di credito prepagata li avrebbe messi al riparo da qualsiasi eventualità di essere identificati. Ma coltivare marijuana in proprio è una cosa vietata dalla legge e, per questo, i militari dell’Arma si sono messi sulle solo tracce. Il monitoraggio dei frequentatori dei siti ha portato, attraverso gli indirizzi IP dei computer da cui sono stati fatti gli ordini dei kit, alla loro identificazione.

Per i carabinieri, infatti, a favorire il tutto è la semplice reperibilità dei semi, acquistabili tranquillamente tramite internet o su riviste che spiegano dettagliatamente come impiantare e far sviluppare una piantagione con costi esigui, e l’uso di una lampada specifica e di altro materiale che favorisce la crescita della pianta. Per questo sono sempre più numerosi e crescenti i servizi antidroga dei Carabinieri del Comando Provinciale di Macerata che prevedono la perquisizione domiciliare di abitazioni ritenute sospette al fine di ”smascherare” le illecite coltivazioni.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X